Trasparenza, Glasnost, Transparency

Memoria bootabile

Data: 1 mar 2012


Sito on line dal 2003
Home page
email
Chi sono
Translation
ℐstruzioni per rendere una chiavetta di memoria usb (usb flash drive) bootabile, in modo che si avvii il DOS (freedos). Tutto tramite una installazione Linux (linux box).

Per chi vuole le cose facili basta il programma UNetbootin, spesso si trova nei repository ma qui si spiegherà il metodo manuale, in modo che ogni passo sia compreso e si possano risolvere eventuali problemi con la propria competenza.

A cosa serve una simile chiavetta? Si può avviare il dos al boot e quindi si possono eseguire operazioni come l'aggiornamento del BIOS. Per esempio molti produttori di schede madri offrono programmi per "flashare" il bios che sono eseguibili sotto DOS, la INTEL è una di questa.

In tal caso si trasferiscono i file eseguibili (.exe) per flashare il bios nella root della chiavetta e si fa il boot dalla usb key, quindi si può aggiornare il BIOS.

In linea generale si tratta di formattare la chiavetta, di copiare alcuni files, di installare grub e di fare in modo che avvii il DOS.

Formattare la chiavetta

La vostra linux box senz'altro ha un programma per formattare e partizionare gli HD tipo il programma gParted: usatelo per formattare con filesystem FAT16 (una unica partizione primaria, così la procedura è più semplice) la usb key. La partizione creata ha dei Flag, vistate il flag boot in modo da renderla bootabile.

Ho notato che con il filesystem FAT16 si riescono a fare solo partizioni da 4 GByte e non di più, mentre con FAT 32 si va oltre e si arriva a fare una partizione di 8 GB.

Il programma per la formattazione fa vedere a che device corrisponde la partizione, nel mio caso /dev/sdc1 e quindi a che device corrisponde la chiavetta (/dev/sdc).

Files da copiare

Nella root della chiavetta create la cartella grub, usate mkdir, dolphin o quello che volete. Copiate (1) memdisk nella root della memory key e copiate tutti i files della cartella (2) nella cartella grub della chiavetta.

(1): memdisk si trova tipicamente in /usr/share/syslinux/memdisk oppure in /usr/lib/syslinux/memdisk, cercate un po'.

(2): la cartella è tipicamente /lib/grub/<your-arch>/ cioè /usr/lib/grub/i386-pc oppure /lib/grub e contiene files di questo tipo:

e2fs_stage1_5  iso9660_stage1_5  reiserfs_stage1_5  stage2_eltorito  xfs_stage1_5
fat_stage1_5   jfs_stage1_5      stage1             ufs2_stage1_5
ffs_stage1_5   minix_stage1_5    stage2             vstafs_stage1_5




Adesso copiamo una immagine virtuale di un floppy disk bootable DOS basata su FreeDOS 1.0 di nome Balder. Scarichiamo balder10.img (1.44 MB) da una di queste fonti: 1, 2. Sarà il nostro sistema operativo e lo copiamo nella root della chiavetta.

Creiamo il file menu.lst dentro la cartella grub della chiavetta che è il file di configurazione di grub, inseriamo dentro menu.lst le righe:

default=0
timeout=10
root=(hd0,0)
title FreeDOS
kernel /memdisk
initrd /balder10.img

L'unica nota è il riferimento alla partizione della usb memory key (hd0,0) dove si trovano i file memdisk e balder10.img, se la partizione fosse la seconda e non la prima si dovrebbe usare (hd0,1), ecc.

Installare grub

Per installare grub nell'MBR della chiavetta di memoria usiamo il comando da root #grub. Prima occorre essere sicuri del nome del device della chiavetta. In precedenza abbiamo visto che si tratta (nel mio caso) della /dev/sdc, se nel vostro caso è differente modificate. Grub potrebbe modificare l'MBR del vostro HD e la linux box non partire più: fate attenzione. Ecco i comandi da dare:

#grub
grub> device (hd5) /dev/sdc
grub> root (hd5,0)
grub> setup (hd5)
grub> quit

Conclusioni

Smontate la chiavetta e quindi fate il boot dalla chiavetta (settate opportunamente il BIOS in modo che sia avviato il boot da USB). Partirà il DOS. Scegliete la versione del dos che fa al caso vostro, non tutte funzioneranno, dipenderà dal vostro hardware.

Per vedere la chiavetta digitate C:. Se avete una utility per flashare il BIOS potete avviarla digitando il nome.

Appendice

Nel caso di vecchie schede madri Intel come la D865Perl è fornito dalla Intel un programma DOS che formatta il floppy e che installa i vari files per flashare il BIOS. In tal caso usare un emulatore DOS come DOSBox per eseguire il programma e per avere i file da inserire nella usb memory key.

La soluzione che ho testato con la motherboard D865Perl e il file della Intel RL...EXE è stata quella di avviare l'eseguibile tramite l'emulatore DOS (vengono estratti vari file), quindi il file RUN.BAT mostra che bisogna:
  • copiare l'immagine del DOS (disk.img) su un floppy formattato: dd if=DISK.IMG of=/media/floppy (dd è un comando equivalente a RAWRITE.EXE)
  • copiare nel floppy i seguenti file: AUTOEXEC.BAT CONFIG.SYS ERR_LEV.BAT FDXXMS.SYS FINDRAMD.EXE P21-0089.ITK SW.EXE TDSK.EXE
smontate il floppy e quindi fate il boot da floppy. Non ho testato la copia di tali file nella root della chiavetta bootabile.

Ringraziamenti

Linerd: howto. Gentoo-wiki: howto.



Non dimenticatevi di mettere la vostra opinione: scrivete il commento, premete "Inserisci" e il commento è immediatamente pubblicato: grazie!






Altri testi sullo stesso argomento li trovate elencati di seguito sotto l'argomento Linux

Diaspora* button
-
Facebook button
0
Twitter button
-
Google+ button
0
LinkedIn button
0
TzeTze button
voti: 0
Data: 1 mar 2012
Letture di questo articolo: 3590
argomento: Linux, articoli: Portatile Linux, Pc con linux preinstallato, Configurare una Internet key, Internet key 3G Wi-Fi per Linux, Internet via GPRS con Linux, Chiavetta Edge per Linux, Cambiare i DNS su Linux

argomento: Software libero, articoli: Firefox logo, Linux e i Negozianti, Pc con Dragon chip, Lettori MP3/Ogg per Linux, Cercare domini liberi, I cookie e la privacy, Addon per Firefox

argomento: Progetti Liberi, articoli: Firefox in dialetto (veneto, lombardo, friulano), Blender, Moneta Bitcoin, Costi di transazione dei Bitcoin, Passare da XP a Linux Lubuntu, Donazioni con bitcoin, Zeronet








Firefox: Riprenditi il web




Statistiche Europee d'uso dei browser 20/08/2018 :
Chrome...59%
Firefox..16%
IE.......7%
Safari...6%

Fonte: StatCounter

Borsa valori della moneta Bitcoin (19/08/2018):

prezzo di 1 bitcoin:
BTC 5695.7 €
LTC 50.68 €
IOTA 0.48 €


Fonte: coinmarketcap.com

Sostieni Wikileaks!
Se hai qualche bitcoin fai una donazione a wikileaks all'indirizzo:
1HB5XMLmzFVj8ALj6 mfBsbifRoD4miY36v

Queste sono le donazioni fatte fin'ora: 4043 bitcoin.




L'intero sito kensan.it ha avuto questi Share:

facebook: 8583
twitter: -
google+: 0
linkedIn: 0




IL TUO 5 PER MILLE PER GLI OSPEDALI DI EMERGENCY codice fiscale:
971 471 101 55




Uomo di Cheddar di 9'000 anni fa

Inglese di 9 mila anni fa ricostruito in base al DNA del Cheddar man il cui scheletro completo e ben conservato e stato ritrovato in Gran Bretagna. Aveva la pelle scura e gli occhi azzurri in base al DNA.

L’Uomo di Cheddar era un Homo Sapiens, era alto 166 centimetri e quando morì era intorno ai 20 anni. Faceva parte di una popolazione di cacciatori-raccoglitori, era intollerante al lattosio e agli amidi, aveva un sistema immunitario che lo difendeva da molte malattie. Quest'uomo è distante da noi solo 450 generazioni.

Lo spagnolo Uomo di La Braña, analogo a questo (pelle scura e occhi azzurri), era distante da noi solo 350 generazioni (7 mila anni).

Fonte: Nature


ESC 2018 logo

L'Eurovision Song Contest 2018 inizia il 8 e prosegue il 10 con la finale il 12 maggio. In tempo reale questa è la classifica dei 43 brani secondo le Views di YouTube.
kensan logo Licenza Creative Commons 3.0
I miei testi sono sotto la Licenza "Creative Commons 3.0 Italia": se sei interessato a pubblicare i miei articoli leggi le note aggiuntive (Licenza di kensan.it) dove troverai anche le attribuzioni dei diritti per tutte le immagini pubblicate.
Questo sito memorizza sul tuo pc uno o più cookie di tipo tecnico, leggi l'informativa estesa.
Kensan geek site

e-mail
e-mail cifrata