I guadagni della Autostrada pedemontana veneta

Pedaggi

Data: 16 mag 2023
ultima modifica: 10 mag 2024

Sito on line dal 2003
Home page
email
Chi sono
Translation
ℒa Regione del Veneto ha quasi completato la costruzione della Superstrada Pedemontana Veneta conosciuta anche come SPV, tramite la sua sigla. Il sito ufficiale della Superstrada, che è anche definita Autostrada, afferma che:
La Superstrada Pedemontana Veneta è una infrastruttura viaria che attraversa la Regione nel territorio vicentino e trevigiano e si sviluppa nel contesto del Corridoio Europeo Mediterraneo (ex Corridoio n. 5). L’asse stradale si sviluppa per complessivi 162 km di cui, 94 di viabilità principale e 68 di viabilità secondaria ed interessa un ampio bacino territoriale di 114 Comuni, 37 dei quali sono direttamente interessati dal tracciato, 22 nella Provincia di Vicenza e 14 nella Provincia di Treviso.
Attualmente l'Autostrada è di 94.5 km completata al 100% con il casello di Montecchio che dovrebbe aprire a giugno o fine giugno 2024. La redditività dell'opera è prevista dopo 9 anni.

Quello che segue è il grafico del traffico nei vari anni della SPV misurato in Milioni [M] di veicoli per chilometro, tali dati sono forniti da Aiscat:


Graph

Il consorzio SIS di Torino che gestirà la manutenzione della Superstrada riceverà dalla Regione Veneto un canone annuale di 153 milioni di euro che aumenterà di anno in anno. A fronte del Canone la Regione incasserà i pedaggi autostradali che secondo Wikipedia sono pari a:
Il pedaggio per la tratta già in funzione è di 0,16420 €/km per i veicoli di classe A, 0,29405 €/km per i veicoli delle altre classi.
Tali classi dovrebbero essere equiparabili alla suddivisione tra veicoli leggeri e pesanti che fa Aiscat. I calcoli eseguiti in questo articolo confrontati con numerose fonti giornalistiche che riportano i dati della Regione, danno conferma che i dati di Wikipedia è corretto applicarli ai dati di AISCAT.

Il giornale di Vicenza riporta i dati delle uscite della Regione Veneto verso SIS, ecco la tabellina:

Anno Pagamenti a SIS
2022 153 M€
2023 186 M€
2024 200 M€
2025 209 M€

Gli importi che la Regione Veneto deve pagare sono in salita. Da quello che risulta (anche se gli articoli di giornale non sono chiari) i lavori sulla SPV sono in ritardo per cui gli incassi sono in ritardo rispetto ai pagamenti che hanno un cronoprogramma fissato nel contratto tra SIS e Regione Veneto. La Regione afferma che il «pareggio previsto tra costi e incassi (è) tra 9 anni» in un comunicato del 2024, quindi il pareggio è previsto nello studio della Bocconi nel 2033.

Veniamo adesso ai guadagni. Moltiplicando i km percorsi dai veicoli (dato fornito da AISCAT) per le tariffe della SPV (dato fornito da Wikipedia) si ha una stima delle entrate economiche della Regione a fronte delle uscite che si possono leggere nella tabellina.

Quello che segue è il grafico della stima dei pedaggi incassati dalla Regione:


Graph

Tabella con i dati

Si nota come il grafico è molto in crescita, il che fa ben sperare. Inoltre siamo a quasi 40 M€ di pedaggi nell'ultimo anno che sono quasi il 25% della cifra che viene sborsata dal Veneto con il canone (153 M€). Il breakeven è previsto nel 2033. Gli incassi sono in ritardo sui pagamenti, questo mi pare evidente.

L'opera dopo il 2059 diventerà patrimonio esclusivo della Regione e non dovrà più pagare canoni, incasserà i pedaggi che serviranno alla manutenzione e gestione della Superstrada Pedemontana Veneta (SPV).

Nel 2024 la Pedemontana è completata e quindi sarà il primo anno in cui si inizierà a vedere se effettivamente sarà scelta dal traffico circolante. Ci sarà inevitabilmente un certo numero di anni necessario perché i cittadini la possano valutare e scegliere nei loro percorsi, considerando il prezzo del biglietto versus il vantaggio di una autostrada. È necessario che si faccia conoscere al grande pubblico e per questo è necessario qualche anno dopo il suo completamento.

Mi aspetto che il grafico dei pedaggi salga prima rapidamente e poi più lentamente fino ad arrivare a una situazione di stabilità o fluttuazioni contenute. Vedremo su che livelli di redditualità la Regione si troverà con i pedaggi incassati.

Tabella traffico leggero e pesante nel 2023 in milioni di km forniti da AISCAT:

Data
Traff. leggero
Traff. pesante
gen 2023
14.0
4.4
feb 2023
13.7
4.9
mar 2023
16.1
6.0
apr 2023
19.0
5.8
mag 2023
21.0
7.4
giu 2023
23.1
7.5
lug 2023
25.7
7.8
ago 2023
22.4
5.7
set 2023
23.8
7.6
ott 2023
23.7
7.8
nov 2023
20.3
7.4

Guadagni dai biglietti autostradali per i veicoli leggeri e pesanti nei vari mesi del 2023 (M€ sta per Milioni di euro):

14.0*10^6*0.16420 €/km + 4.4*10^6*0.29405 €/km = 3.59 M€ (gen 2023)
13.7*10^6*0.16420 €/km + 4.9*10^6*0.29405 €/km = 3.69 M€ (feb 2023)
16.1*10^6*0.16420 €/km + 6.0*10^6*0.29405 €/km = 4.41 M€ (mar 2023)
19.0*10^6*0.16420 €/km + 5.8*10^6*0.29405 €/km = 4.83 M€ (apr 2023)
21.0*10^6*0.16420 €/km + 7.4*10^6*0.29405 €/km = 5.62 M€ (mag 2023)
23.1*10^6*0.16420 €/km + 7.5*10^6*0.29405 €/km = 6.00 M€ (giu 2023)
25.7*10^6*0.16420 €/km + 7.8*10^6*0.29405 €/km = 6.51 M€ (lug 2023)
22.4*10^6*0.16420 €/km + 5.7*10^6*0.29405 €/km = 5.35 M€ (ago 2023)
23.8*10^6*0.16420 €/km + 7.6*10^6*0.29405 €/km = 6.14 M€ (set 2023)
23.7*10^6*0.16420 €/km + 7.8*10^6*0.29405 €/km = 6.19 M€ (ott 2023)
20.3*10^6*0.16420 €/km + 7.4*10^6*0.29405 €/km = 5.51 M€ (nov 2023)





Estendendo il dato della tabella a tutto il 2023 si ha una stima di:

Kensan.it

ToT (stima approssimata per l'intero 2023): (57.84*10^6)/11*12 = 63.10 M€

Il dato di stima per il 2023 è in forte aumento rispetto all'intero 2022 (37.4 M€). Si tratta di un aumento del 169% degli incassi. Fonti giornalistiche hanno anticipato il dato degli incassi di gennaio 2024 che sono di 7 milioni di euro, quindi ancora in decisa salita rispetto a novembre 2023. Esattamente l'incremento è stato del 195%. Tale dato è da prendere con prudenza in quanto gli incassi pubblicati nei giornali non sono allineati al traffico mensile fornito da AISCAT.

tabella guadagni regione veneto nel 2023Il giornale Il Fatto quotidiano pubblica una tabellina con l'incasso annuale per il 2023 che è pari a 63.18 milioni di euro. Questo dato conferma il nostro calcolo fatto con i dati di AISCAT e di Wikipedia, probabilmente con il traffico di dicembre 2023 otterremo una cifra molto vicina ai guadagni effettivi della Regione Veneto. Quindi anche l'aumento di +69% tra gli incassi 2022 e 2023 è corretto.

Possiamo supporre che anche nel 2024 si abbia un incremento degli incassi del 169% e quindi il dato del 2023 (63.10 M€) diventa per il 2024 di 107 milioni di euro.

Lo studio preliminare della Bocconi sulla SPV considera per il 2023 un VTMG (Veicoli Teorici Medi Giornalieri) pari a 27 mila veicoli al giorno sulla SPV (vedi il documento della Regione Veneto) ci si aspetta un traffico di questo tipo a partire dalla conclusione dell'opera che però sarà a giugno 2024.

A partire da quella data si dovrebbe avere che per il traffico di 27 mila veicoli al giorno, 94.75 km di autostrada, 365 giorni e una media del pedaggio di 0.20€/km (0.1978€/km per gen-mar 2023), la cifra annuale che dovrebbe incassare la Regione Veneto e girare a SIS è pari a:

27*103*94.5*365*0.20 = 186 M€

Si tratta di 186 milioni di euro nel primo anno dopo la conclusione dei lavori, ovvero dopo giugno 2024, da incassare per i pedaggi per raggiungere le previsioni della Regione e dello studio della Bocconi. In realtà l'opera è in ritardo e (sembra) che tale cifra sia stata versata nel 2023 nelle casse di SIS. Su questo punto non ho trovato articoli di giornale chiari.

  • Pedaggi annui: 186 milioni di euro
  • Pedaggi mensili: 15.5 milioni di euro
  • VTMG: 27 mila veicoli al giorno
  • Traffico mensile: 77.6 milioni di veicoli tra leggeri e pesanti

Siamo ancora distanti da questa cifra di equilibrio del bilancio anche se bisogna dire che la Superstrada non è ancora stata completata e avrà bisogno di un lasso di tempo per essere conosciuta, andare sulle mappe ed essere valutata dalla gente.

La Regione stima un aumento del 20% del traffico per l'apertura del casello di Montecchio sulla A4.

Se prendiamo la stima fatta qui sopra di 107 milioni di euro per il 2024 e consideriamo che anche nell'anno dopo l'apertura del casello (giugno 2024-maggio 2025) il traffico aumenti come è aumentato tra il 2022 e il 2023 (+69% anno/anno), si ha che gli incassi stimati del 2024 (107 M€) diventeranno nel periodo giugno 2024-maggio 2025, 139 milioni di euro in una approssimazione lineare.

L'obiettivo di 186 milioni di euro da giugno 2024 a maggio 2025 sembra difficile da ottenere ma non impossibile considerando che fin'ora gli aumenti di traffico sono stati dovuti a caselli intermedi e a un allungamento delle tratte aperte, adesso con l'apertura del casello di Montecchio sulla A4 la novità è maggiormente d'impatto e potrebbe esserci un aumento ulteriore del traffico e quindi dei pedaggi incassati. Credo ci si avvicinerà al target.

Questo dimostra che lo studio della Bocconi per la Regione Veneto ha una sua validità pratica. La differenza tra incassi e pagamenti a SIS è stato messo in conto dalla Professoressa Vecchi anche se in questa prima fase sembra ingente a causa del ritardo nella realizzazione delle opere della SPV. Infatti se dopo il completamente dell'opera la Prof aveva previsto un incasso di 186 M€, in realtà la Regione sembra debba pagare 200 M€ nel 2024 e ancor di più nel 2025.

Non ho letto lo studio della Bocconi, però sembra che il ritardo dell'opera possa portare a un allungamento dei tempi del pareggio tra entrate e uscite oltre il 2033 fissato dalla Prof. L'aspetto importante è però che nell'anno giugno 2024 - maggio 2025 si vada non troppo distanti come incassi dai 186 milioni di euro previsti dallo studio e questo sembra alla portata.

Il traffico VTMG è previsto in aumento di anno in anno fino ad arrivare 39 anni dopo la conclusione dei lavori della Superstrada al valore di 65 mila veicoli. Tale previsione di traffico corrisponde esattamente a quanto la Regione deve dare a SIS.

Sul sito della Regione Veneto si legge:
A regime le stime confermano che le entrate dei pedaggi parificheranno il costo del canone e nei 39 anni della durata della concessione il saldo sarà positivo. Al momento dell’approvazione in Consiglio regionale nel 2017 era stato ampiamente argomentato a tutti i consiglieri che tuttavia i primi 10 anni sarebbero stati in perdita per il normale e prevedibile avvio dell’utilizzo dell’infrastruttura, così detto rump-up, consegnando proprio la tabella della professoressa della Bocconi, Veronica Vecchi, che oggi è tornata alla ribalta.



Non dimenticatevi di mettere la vostra opinione: scrivete il commento, premete "Inserisci" e il commento è immediatamente pubblicato nell'area qui sotto: grazie!






Altri testi sullo stesso argomento li trovate elencati di seguito sotto l'argomento Economia

Diaspora* button
-
Twitter button
-
TzeTze button
voti:
Data: 16 mag 2023
modifica: 10 mag 2024
Letture di questo articolo: 37
...a partire da 2024-01-16
argomento: Economia, articoli: L'oro di carta (dollaro e petrolio), Comprare bitcoin con PostePay, Default di Cipro, Rimesse, Costi della Carta di credito, IMU terreni agricoli, I redditi di tutti i lavoratori dipendenti

ball animated




Firefox: Riprenditi il web






A proposito dei giornalisti...

Non dico affatto che lei menta, dico che lei non sarebbe nel posto che occupa se non scrivesse quello che scrive.






La legge determina le condizioni in cui si esercita la libertà garantita alla donna di ricorrere all'interruzione volontaria della gravidanza.

Nuovo articolo della costituzione francese: libertà garantita






L'intervento sull'aborto della Onorevole Gilda Sportiello in merito agli antiabortisti nei Consultori, in cui racconta la sua storia: il personale è politico

Intervento della Onorevole del M5S Sportiello Gilda alla Camera dei Deputati
kensan logo Licenza Creative Commons 3.0
I miei testi sono sotto la Licenza "Creative Commons 3.0 Italia": se sei interessato a pubblicare i miei articoli leggi le note aggiuntive (Licenza di kensan.it) dove troverai anche le attribuzioni dei diritti per tutte le immagini pubblicate.
Questo sito memorizza sul tuo pc uno o più cookie di tipo tecnico, leggi l'informativa estesa.
Kensan site

e-mail
e-mail cifrata