Trasparenza, Glasnost, Transparency

Il cibo fatto col petrolio

La rivoluzione verde

Data: 4 nov 2005
ultima modifica: 16 mag 2006

Sito on line dal 2003
Home page
email
Chi sono
Translation
𝒯ra il 1950 e il 1960 l'agricoltura ha subito una profonda trasformazione che comunemente viene chiamata "Rivoluzione verde". Si tratta della industrializzazione dell'agricoltura che ha portato alla creazione di nuove piante ibride come mais di nuovo tipo, grano di nuovo tipo e a molte altre innovazioni.

Tra il 1950 e il 1984 la produzione di grano è aumentata del 250% (due volte e mezza) ma la rivoluzione verde ha preteso in cambio un consumo di energia che è mediamente del 5000% (50 volte) più alto dell'energia consumata nell'agricoltura tradizionale. Si arriva a incrementi anche di 100 volte.

Negli Stati Uniti (dati 1994) si sono consumati annualmente per ogni persona 1500 litri di petrolio ai fini di produrre cibo. Ogni giorno significano 4 litri, mensilmente sono 124 litri. Si intende petrolio equivalente consumato per la produzione di cibo escluso il confezionamento, refrigerazione, trasporto nei punti vendita ed escluso quello consumato per la loro cottura.

Si può riassumere nella seguente tabella il costo petrolifero per cibare un americano oppure 4 americani a seconda del prezzo del barile di greggio:

Costo Petrolio Costo Cibo (una persona) Costo Cibo (4 persone)
60 $/barile 47 $/mese 188 $/mese
70 $/barile 54 $/mese 216 $/mese
100 $/barile 78 $/mese 314 $/mese
135 $/barile 106 $/mese 424 $/mese
150 $/barile 117 $/mese 468 $/mese
180 $/barile 141 $/mese 564 $/mese

Questi numeri hanno validità in un mercato del cibo stabilizzato da prezzi del petrolio costanti per lungo tempo, se il greggio raddoppiasse e poi ritornasse ai valori precedenti allora non ci sarebbero rilevanti conseguenze sui prezzi del cibo in quanto il mercato è in grado di assorbire i picchi del petrolio.

Se è valido il rapporto di 4-5 tra prezzi di vendita dell'agricoltore e quelli al dettaglio si può stimare che col barile che costi 135 $ si hanno prezzi del cibo che assorbono migliaia di euro per una famiglia di quattro persone.

I 1500 litri di petrolio sono consumati per nutrire ogni americano e la suddivisione in agricoltura è così fatta:

·   31% per produrre concimi inorganici

·   19% per le macchine agricole

·   16% trasporti del cibo

·   13% irrigazione (pompe e altro)

·   08% for raising livestock (not including livestock feed)

·   05% for crop drying

·   05% per la produzione di pesticidi

·   08% altri consumi




Per dare una idea si ha che nella produzione di un kilogrammo di azoto per concimare i campi si usa l'energia equivalente a quella contenuta in 1.4-1.8 litri di gasolio. In un anno (estate 2001-estate 2002) si sono consumati in USA 12 milioni di tonnellate di concimi azotati che fanno almeno 96 milioni di barili di gasolio equivalente. Si noti che al mondo vengono consumati circa 85 milioni di barili di greggio al giorno.

Un altro aspetto interessante della rivoluzione verde è che viene consumato sempre più petrolio solo per mantenere i livelli di produzione costanti, questo è dovuto a molti fattori tra i quali la degradazione del suolo che gli esperti dicono ridotto alla funzione di "spugna" adeguata solo ad assorbire i concimi chimici.

Secondo Dale Allen Pfeiffer che tratta la questione in modo esaustivo (fonte in inglese) e da cui ho tratto i dati per questo testo, la Rivoluzione verde sta facendo bancarotta.

Aggiornamento 16 mag 2006: Dal blog di Debora Billi, petrolio/Blogosfere, traggo queste utili infomazioni che sono a loro volta tratte da un articolo di Rick Embleton, scrittore canadese autore di Oilephant Down: Canada at the End of the Age of Cheap Oil.

La produzione agricola nel mondo di oggi è criticamente dipendente dal petrolio (per pesticidi, erbicidi, agrochimica, irrigazione, distribuzione) e dal gas (per i fertilizzanti).

Il ritorno all'agricoltura biologica e tradizionale può non essere così semplice come i non addetti possono pensare. La nostra terra agricola commerciale è essenzialmente tossica e sterile per via dell'uso di prodotti petrolchimici e nutrienti artificiali. L'agricoltura commerciale è essenzialmente un affare di esportazione: esportiamo i nutrienti dal suolo dove crescono i raccolti e non li reimportiamo mai.

Se i prodotti chimici su cui l'agricoltura conta dovessero scomparire domani, è stimato che gli stessi terreni produrrebbero tra il 5 e il 20% di ciò che producono oggi, sempre che ci sia sufficiente acqua per l'irrigazione.
È stimato anche che ci vogliono tra i 10 e i 20 anni per ricostruire la fertilità naturale di quei terreni. Senza la petrochimica, ciò significa un crollo di produttività dell'80-95%.

L'altro fattore chiave, naturalmente, sono le malattie. Senza i pesticidi derivati dal petrolio i raccolti sarebbero suscettibili ad ogni sorta di infestazioni. L'agricoltura intensiva oggi usa 33 volte più pesticidi di trent'anni fa e comunque perde il 25% in più dei raccolti rispetto ad allora, a causa della resistenza sviluppata.



Non dimenticatevi di mettere la vostra opinione: scrivete il commento, premete "Inserisci" e il commento è immediatamente pubblicato: grazie!




Questo articolo è stato commentato 6 volte.

Ultimo commento inserito da jjkappa martedì 12 dicembre con il titolo: Per Geppetto.

Commento:

Perchè si è tanto scettici di fronte all'evidenza?
L'unica e vera fonte di energia rinnovabile è quella fotosintetica del mondo vegetale, e quella che ha permesso la vita degli animali (uomo compreso).
Poi è arrivato Prometeo con il fuoco e l'uomo (unico animale) ha iniziato a utilizzare l'energia accumulata prima della sua nascita sempre dal mondo vegetale e quindi con la fotosintesi. Oggi siamo arrivati ad utilizzare il petrolio perchè avevamo a disposizione energia sufficiente per farlo (il petrolio era conosciuto anche dai greci antichi e forse anche prima, ma non avevano le trivelle per estrarlo a migliaia di metri di profondità). I primi pozzi petroliferi sono stati costruiti dagli americani che con il petrolio hanno vinto la seconda guerra mondiale. La rivoluzione verde è nata in america con la fondazione Rickfeller e i nuovi ibridi sperimentati in Messico. Le più grosse compagnie petrolifere sono americane e il costo di estrazione del greggio è di pochi dollari (2 dollari al barile in Alaska 1 dollaro al barile in Iraq)con profitti enormi che ingrassano i piccoli azionisti americani rischiando di rimanere fusi con i loro divani. L'agricoltura è diventata il più grosso mercato per il petrolio con l'aiuto della politica. Adesso che l'agricoltura è alla frutta stanno puntando sulle "energie alternative" (eolico, fotovoltaico, idrogenno e nucleare)che continueranno a consumare sempre più petrolio.
Ah .....dimenticavo nessuno parla della distruzione biologica che avviene delle falde petrolifere riempite di acqua marina per facilitare l'estrazione.
E se questo è poco trasformiamoci tutti in struzzi dopo averci spalmato bene il didietro per non rischiare scottature solari.
Grazie per l'opportunità di sfogarmi.
Un caloroso saluto a tutti



Altri testi sullo stesso argomento li trovate elencati di seguito sotto l'argomento Alimenti

Diaspora* button
-
Facebook button
1
Twitter button
-
Google+ button
0
LinkedIn button
0
TzeTze button
voti: 0
Data: 4 nov 2005
modifica: 16 mag 2006
Letture di questo articolo: 6120
argomento: Alimenti, articoli: Latte di montagna, Siamo diventati Grandi, Salviamo le sementi contadine, Il lato oscuro del biodiesel, Latte crudo, Cibo a kilometri zero, Cibo fatto solo di Mais

argomento: Petrolio, articoli: Il Petrolio (secondo aggiornamento), Petrolio: "AL LUPO, AL LUPO" (di George Monbiot), Crisi energetica del gas, Politica Energetica (di Jimmy Carter), Automobili a Idrogeno (aggiornamento), Automobili a Idrogeno, Gas metano

argomento: Energia, articoli: Auto ibrida, Il petrolio sta finendo, Pile zinco aria, Fotovoltaico a film sottile (silicio amorfo), Bioetanolo, Nanosolar (energia elettrica dal sole), Canali energetici








Firefox: Riprenditi il web




Statistiche Europee d'uso dei browser 22/04/2018 :
Chrome...58%
Firefox..17%
IE.......8%
Safari...6%

Fonte: StatCounter

Borsa valori della moneta Bitcoin (21/04/2018):

prezzo di 1 bitcoin:
BTC 7141.12 €
LTC 119.45 €
IOTA 1.54 €


Fonte: coinmarketcap.com

Sostieni Wikileaks!
Se hai qualche bitcoin fai una donazione a wikileaks all'indirizzo:
1HB5XMLmzFVj8ALj6 mfBsbifRoD4miY36v

Queste sono le donazioni fatte fin'ora: 4042 bitcoin.




L'intero sito kensan.it ha avuto questi Share:

facebook: 8137
twitter: -
google+: 0
linkedIn: 0




IL TUO 5 PER MILLE PER GLI OSPEDALI DI EMERGENCY codice fiscale:
971 471 101 55




Uomo di Cheddar di 9'000 anni fa

Inglese di 9 mila anni fa ricostruito in base al DNA del Cheddar man il cui scheletro completo e ben conservato e stato ritrovato in Gran Bretagna. Aveva la pelle scura e gli occhi azzurri in base al DNA.

L’Uomo di Cheddar era un Homo Sapiens, era alto 166 centimetri e quando morì era intorno ai 20 anni. Faceva parte di una popolazione di cacciatori-raccoglitori, era intollerante al lattosio e agli amidi, aveva un sistema immunitario che lo difendeva da molte malattie. Quest'uomo è distante da noi solo 450 generazioni.

Lo spagnolo Uomo di La Braña, analogo a questo (pelle scura e occhi azzurri), era distante da noi solo 350 generazioni (7 mila anni).

Fonte: Nature


ESC 2018 logo

L'Eurovision Song Contest 2018 inizia il 8 e prosegue il 10 con la finale il 12 maggio. In tempo reale questa è la classifica dei 43 brani secondo le Views di YouTube.
kensan logo Licenza Creative Commons 3.0
I miei testi sono sotto la Licenza "Creative Commons 3.0 Italia": se sei interessato a pubblicare i miei articoli leggi le note aggiuntive (Licenza di kensan.it) dove troverai anche le attribuzioni dei diritti per tutte le immagini pubblicate.
Questo sito memorizza sul tuo pc uno o più cookie di tipo tecnico, leggi l'informativa estesa.
Kensan geek site

e-mail
e-mail cifrata