Trasparenza, Glasnost, Transparency

Utopie Tecnologiche sull'Energia

Data: 17 gen 2005


Sito on line dal 2003
Home page
email
Chi sono
Translation
ℐn un dossier energia pubblicato da Le Monde Diplomatique, Benjamin Dessus, presidente dell'associazione Global Chance, parla delle utopie tecnologiche in campo energetico con riferimento al problema dell'effetto serra. Esamina la fusione nucleare calda, l'idrogeno come vettore energetico, la captazione dell'anidride carbonica da stoccare in vario modo e sulla base delle sue lunghe considerazioni discute di un sistema della politica e dei media che alimentano utopie per non affrontare la realtà.

Le promesse di risolvere in modo indolore il problema energetico sono non veritiere e ad una analisi dettagliata mostrano i loro limiti.

L'International Thermonuclear Experimental Reactor (Iter) che rappresenta un sole in miniatura ha diversi svantaggi, il primo è che genera rifiuti radioattivi superiori a quelle di una centrale nucleare classica, usa trizio che serve pure per fabbricare le nuove bombe atomiche e per ultimo sarà disponibile e diffusa non in questo secolo.

Per l'idrogeno si è fatto un gran parlare a partire dal libro "Economia dell'idrogeno" scritto da un noto economista. Le celle a combustibile hanno raggiunto rendimenti del 60%: entra idrogeno dal valore energetico pari a 100 ed esce 60 in elettricità. Per ottenere l'idrogeno occorre disporre di elettricità in modo da effettuare l'elettrolisi dell'acqua.

Benjamin parla di 5Kwh di energia elettrica che verra trasformata in idrogeno nel processo di elettrolisi. Di questa energia le celle a combustibile riusciranno ad erogarne solo 1,8 Kwh che andranno tipicamente ad alimentare i motori elettrici che faranno muovere l'auto. L'energia sull'asse della ruota sarà ancora minore a causa dei rendimenti dei motori elettrici.

Comunque sia si è partiti da 5Kwh e con l'idrogeno si è arrivati a sfruttarne meno di 1,8Kwh, buttando via gran parte dell'energia elettrica, un 70-80%. Occorre ricordare che i motori a scoppio hanno rendimenti pari a 35-40% che nelle macchine ibride permettono di fare almeno 20Km con un litro nell'urbano. Ricordo pure che il prototipo della macchina ad aria compressa che carica le sue bombole con l'elettricità permette di fare 200Km con 2€ di elettricità contro gli attuali modelli di auto che fanno 20-30Km con la stessa cifra, un fattore 10 di differenza.



Per quanto riguarda la captazione della CO2 l'autore parlava delle difficoltà di fare coincidere le fonti di stoccaggio con le fonti di produzione e in un secondo sistema parlava di un problematico stoccaggio tramite biomasse che richiede grandi superfici adibite a foreste con un forte impatto sull'agricoltura non intensiva.

Le conclusioni dell'articolo erano le solite e cioè che l'esistenza di una soluzione miracolosa di tipo tecnologico non c'è e che questo desiderio della gente viene abilmente sfruttato dalla politica, dai media e dai centri di ricerca. La soluzione proposta è di buon senso: modificare il nostro standard di vita e il nostro modello di sviluppo per fare posto a una riduzione dei consumi energetici.

Sappiamo bene che il treno consuma meno del camion e pure che il primo è meno flessibile e veloce del secondo. Sappiamo che per muoversi non è necessario andare veloci e accelerare con grande rapidità, una macchina alternativa con basse prestazioni e consumi di un fattore 10 più bassi può trovare posto nella realtà ma non nel nostro sistema dominato dal marketing e dal valore della velocità.

Il problema dell'effetto serra è conosciuto da tutti e richiede secondo gli esperti una azione immediata, la CO2 non entra nelle pubblicità delle auto che ci vendono ma invade la nostra vita e il nostro immediato futuro, sarebbe il caso di pensarci.



I trasporti assorbono il 25% dell'energia prodotta, sprigionando il 25% dell'anidride carbonica emessa nel mondo. All'interno di questo settore più dell'80% delle emissioni sono da attribuirsi ai trasporti stradali. Nel 2003 le automobili hanno assicurato l'85% del traffico di viaggiatori, i camion il 79% di quello delle merci.



Non dimenticatevi di mettere la vostra opinione: scrivete il commento, premete "Inserisci" e il commento è immediatamente pubblicato: grazie!




Questo articolo è stato commentato 4 volte.

Ultimo commento inserito da kensan sabato 19 febbraio con il titolo: Biodiesel.

Commento:

Grazie per il "vecchio" e per il "buon" e grazie per esserti registrato. :)
Il biodiesel è una ottima soluzione ma come tutte le fonti ecologiche può essere utilizzata solo in parte per fornire energia. Le fonti rinnovabili necessitano di essere utilizzate tutte insieme per sostituire il petrolio.

Mi permetto di correggerti, il biodiesel non produce CO2, essendo ricavato dalle piante ha una produzione netta pari a zero anzi forse è positiva (assorbe CO2). Si usano Colza, soia e altre sementi per ricavare l'olio che viene poi trasformato in diesel mediante un processo chimico detto di esterizzazione.

Detto questo per dimostrare che almeno una infarinatura la posseggo, veniamo alle questioni pratiche e teoriche.

La coltivazione naturale di soia per diesel è costosa (mi pare costi 70 dollari al barile attualmente e tempo fa sui 130 dollari al barile), per abbassare il prezzo si usano sementi transgenici abbinati a diserbanti estremamente potenti e quindi a concimazione sintetica abbondante, tutto questo non è sostenibile e si basa su prodotti ricavati dal petrolio (concimi/diserbanti/antiparassitari).

Le estensioni territoriali richieste sono elevate se si pensa di usare una produzione sostenibile (niente petrolio, letame, lotta integrata ai parassiti) e il costo per barile temo sia superiore ai 130 dollari, tre volte il prezzo attuale del petrolio.

Detto questo non per scoraggiare ma per fissare le idee si possono ridurre i consumi di automobili e si può utilizzare il biodiesel. Si pensi a una centrale termica a biogasolio che produca elettricità, si pensi a una macchina ad aria compressa che usi tale elettricità. L'energia elettrica costerebbe tre volte il prezzo attuale, 200 kilometri con una "eolo" costerebbe quindi 6 euro, 30 centesimi per fare 10 kilometri, un affare!

E con il gasolio biologico anche una centrale termica butterebbe fuori poche sostanze inquinanti, sarebbe molto più salutare di una a petrolio, poi in città si avrebbe finalmente aria pulita.



Altri testi sullo stesso argomento li trovate elencati di seguito sotto l'argomento Energia rinnovabile

Diaspora* button
-
Facebook button
0
Twitter button
-
Google+ button
0
LinkedIn button
0
TzeTze button
voti: 0
Data: 17 gen 2005
Letture di questo articolo: 3136
argomento: Energia rinnovabile, articoli: Celle polimeriche (energia fotovoltaica), Biodiesel, Idea sul fotovoltaico, Eolico ad Alberona, Bioetanolo, Il potenziale italiano dell'energia eolica, Il lato oscuro del biodiesel

argomento: Energia, articoli: Auto ibrida, L'idrogeno, «rivoluzione» sulla carta , Auto elettrica - La Reva G-Wiz (aggiornamento), Previsioni 2008, Desertec, Rifiuti Nucleari, Canali energetici








Firefox: Riprenditi il web




Statistiche Europee d'uso dei browser 23/01/2018 :
Chrome...57%
Firefox..17%
IE.......8%
Safari...7%

Fonte: StatCounter

Borsa valori della moneta Bitcoin (22/01/2018):

prezzo di 1 bitcoin:
BTC 8746.22 €
LTC 144.18 €
IOTA 1.95 €


Fonte: coinmarketcap.com

Sostieni Wikileaks!
Se hai qualche bitcoin fai una donazione a wikileaks all'indirizzo:
1HB5XMLmzFVj8ALj6 mfBsbifRoD4miY36v

Queste sono le donazioni fatte fin'ora: 4042 bitcoin.




L'intero sito kensan.it ha avuto questi Share:

facebook: 7233
twitter: -
google+: 0
linkedIn: 0




IL TUO 5 PER MILLE PER GLI OSPEDALI DI EMERGENCY codice fiscale:
971 471 101 55
kensan logo Licenza Creative Commons 3.0
I miei testi sono sotto la Licenza "Creative Commons 3.0 Italia": se sei interessato a pubblicare i miei articoli leggi le note aggiuntive (Licenza di kensan.it) dove troverai anche le attribuzioni dei diritti per tutte le immagini pubblicate.
Questo sito memorizza sul tuo pc uno o più cookie di tipo tecnico, leggi l'informativa estesa.
Kensan geek site

e-mail
e-mail cifrata