Trasparenza, Glasnost, Transparency

Gas metano

Data: 24 set 2014


Sito on line dal 2003
Home page
email
Chi sono
Translation
ℐl Gas che ci arriva dalla Russia, dal mare del Nord (Norvegia) e da Libia e Algeria ci permette di scaldare le nostre case in inverno. Il gas importato durante l'anno non è molto, la Russia ci fornisce 40-60 milioni di metri cubi al giorno ma è abbastanza per accumulare delle scorte in estate, primavera e autunno per poi consumarle in inverno.

Gli stoccaggi di gas sono delle ex miniere dove viene depositato il gas che serve per l'inverno. Noi in Italia abbiamo scorte sotto terra per 15 miliardi di metri cubi di cui 10 per uso invernale e 5 per uso strategico.




Il consumo di gas in inverno è molto variabile e ha toccato diverse volte negli anni il picco di 450 milioni di metri cubi al giorno. Per esempio a febbraio 2012 il consumo è stato record con più di 10 miliardi di metri cubi consumati nell'intero mese, a febbraio 2013 quasi 9 miliardi e a febbraio 2014 quasi 7 miliardi di metri cubi di gas.

Quindi le riserve invernali di gas che abbiamo sotto terra ci bastano grosso modo per il mese di febbraio dove i consumi sono molto alti. Se sfruttassimo anche le riserve strategiche che sono di 5 miliardi andremmo avanti un altro mesetto grosso modo magari di un mese non troppo gelato.




Non dimenticatevi di mettere la vostra opinione: scrivete il commento, premete "Inserisci" e il commento è immediatamente pubblicato: grazie!






Altri testi sullo stesso argomento li trovate elencati di seguito sotto l'argomento Petrolio

Diaspora* button
-
Facebook button
0
Twitter button
-
Google+ button
0
LinkedIn button
0
TzeTze button
voti: 1
Data: 24 set 2014
Letture di questo articolo: 1349
argomento: Petrolio, articoli: Il cibo fatto col petrolio (La rivoluzione verde), Il Petrolio (secondo aggiornamento), Petrolio: "AL LUPO, AL LUPO" (di George Monbiot), Crisi energetica del gas, Automobili a Idrogeno, Crisi del petrolio (assalto ai forni), ASPO Italia Lettera aperta

argomento: Energia, articoli: Celle polimeriche (energia fotovoltaica), Petrolio in via di esaurimento, Biodiesel, Il Fratellone Giallo ci dona l'energia , Automobili a Idrogeno (aggiornamento), Biogas, EROEI








Firefox: Riprenditi il web




Statistiche Europee d'uso dei browser 21/11/2018 :
Chrome...68%
Firefox..12%
Safari...6%
IE.......5%

Fonte: StatCounter

Borsa valori della moneta Bitcoin (21/11/2018):

prezzo di 1 bitcoin:
BTC 3982.04 €
LTC 29.62 €
IOTA 0.28 €


Fonte: coinmarketcap.com

Sostieni Wikileaks!
Se hai qualche bitcoin fai una donazione a wikileaks all'indirizzo:
1HB5XMLmzFVj8ALj6 mfBsbifRoD4miY36v

Queste sono le donazioni fatte fin'ora: 4043 bitcoin.




L'intero sito kensan.it ha avuto questi Share:

facebook: 8654
twitter: -
google+: 0
linkedIn: 0




IL TUO 5 PER MILLE PER GLI OSPEDALI DI EMERGENCY codice fiscale:
971 471 101 55




Uomo di Cheddar di 9'000 anni fa

Inglese di 9 mila anni fa ricostruito in base al DNA del Cheddar man il cui scheletro completo e ben conservato e stato ritrovato in Gran Bretagna. Aveva la pelle scura e gli occhi azzurri in base al DNA.

L’Uomo di Cheddar era un Homo Sapiens, era alto 166 centimetri e quando morì era intorno ai 20 anni. Faceva parte di una popolazione di cacciatori-raccoglitori, era intollerante al lattosio e agli amidi, aveva un sistema immunitario che lo difendeva da molte malattie. Quest'uomo è distante da noi solo 450 generazioni.

Lo spagnolo Uomo di La Braña, analogo a questo (pelle scura e occhi azzurri), era distante da noi solo 350 generazioni (7 mila anni).

Fonte: Nature
kensan logo Licenza Creative Commons 3.0
I miei testi sono sotto la Licenza "Creative Commons 3.0 Italia": se sei interessato a pubblicare i miei articoli leggi le note aggiuntive (Licenza di kensan.it) dove troverai anche le attribuzioni dei diritti per tutte le immagini pubblicate.
Questo sito memorizza sul tuo pc uno o più cookie di tipo tecnico, leggi l'informativa estesa.
Kensan geek site

e-mail
e-mail cifrata