Trasparenza, Glasnost, Transparency

Birò

Data: 7 ott 2016


Sito on line dal 2003
Home page
email
Chi sono
Translation
ℒa Birò è una piccola microcar elettrica che mira a sostituire uno scooter. Ha una larghezza di poco più di 1 metro quindi si può parcheggiare negli spazi riservati ai motocicli e poi si può fare entrare negli edifici se le porte sono abbastanza larghe.

Auto elettrica Birò nera

Di articoli che descrivo questa auto ce ne sono tanti, il sito ufficiale della Birò presso la Estrima da una buona descrizione della microcar. Qui ci occuperemo degli aspetti controversi di quest'auto e in generale dell'auto elettrica, in modo da offrire al lettore un punto di vista originale sull'argomento basato su dati documentati o su numeri vicini alla realtà quando mancassero.

Chi acquista la Birò lo fa per due motivi principali, uno è l'aspetto ecologico e l'altro la convenienza economica. Per quanto riguarda il rispetto dell'ambiente della microcar elettrica, è evidente che c'è uno spostamento delle emissioni inquinanti dalla città alle zone dove si produce l'energia elettrica. L'energia elettrica si fa in piccola parte con le fonti rinnovabili e in massima parte con il metano, il petrolio, gli oli combustibili, il carbone e il nucleare importato dalla Francia.

Contemporaneamente bisogna dire che l'inquinamento provocato dalla produzione elettrica è sotto controllo e che si riesce a fare fare molti più chilometri a un'auto elettrica che se non fosse alimentata direttamente dai combustibili fossili come nelle auto a combustione interna. Tecnicamente si può dire che l'efficienza della catena composta dalla centrale elettrica (media) a idrocarburi, dal sistema di trasmissione dell'energia elettrica e dall'auto elettrica è maggiore dell'efficienza di una automobile a idrocarburi (metano/gasolio/benzina).

Quindi l'auto elettrica fa risparmiare petrolio e metano sia perché è più efficiente sia perché usa anche le fonte rinnovabili.

La Birò usa le batterie al Litio (un mio articolo sulle batterie LiFePO4).

La Birò indica di percorrere fino a 100 km con un pieno di energia elettrica con le sue batterie al litio. L'energia accumulata dovrebbe essere di circa 5 kWh per la batteria maxi.

Se supponiamo di consumare per un pieno 5 kWh di energia elettrica che ci costa 19 centesimi di euro al chilowattora (tariffa regolata valida per chi non ha ancora cambiato fornitore elettrico, consumo di 3500 kWh/anno, contatore da 3 kW, Roma: 677 euro, 19.3 €cent/kWh), vuol dire che spendiamo circa 1 euro per un pieno.

Se supponiamo di fare 100 km con un pieno sono 1 centesimo di euro a chilometro ovvero 12 centesimi per fare 12 km. È una cifra molto piccola se paragonata al prezzo della benzina che è di 1.5 euro al litro per fare solitamente 12 km nelle piccole auto. Però bisogna ricordare che la benzina è fortemente tassata mentre l'elettricità lo è solo in piccola misura.

Per le batterie al litio vediamo di basarci su alcuni dati forniti dal produttore attraverso la sua garanzia. La batteria rimovibile al litio Maxi costa 3630 euro ed è garantita per 2 anni o 1000 cicli di carica/scarica. Con questa batteria si fanno fino a 100 km a pieno.  Vediamo di non calcolare il costo di ricarica con l'energia elettrica che è molto basso, andiamo nei costi rilevanti.




Veniamo alle note dolenti e controverse dell'auto elettrica e della Birò in particolare. Le batterie al litio secondo la Estrima che produce la microcar costano € 3630 e permettono di fare 80 mila chilometri garantiti ma si devono fare in breve tempo: è tanto è poco?

A dire la verità le specifiche delle batterie LiFePO4 sono circa il doppio di quelle fissate come limiti garantiti. Wikipedia parla di 5-6 anni di vita e di >2000 cicli di carica/scarica (1C).  Facciamo un conteggio a spanne ma ragionevole e supponiamo che la durata sia doppia rispetto a quella garantita ovvero 4 anni e 2000 cicli. Conteggiamo i costi.

Con 2000 cicli si fanno a 100 km per ciclo circa 200 mila km da fare entro 4 anni.

Il costo chilometrico delle batterie al litio è di 1.8 centesimi di euro (3630 € diviso 200 mila chilometri) cui va aggiunto il costo chilometrico dell'energia elettrica che è di 1 centesimi di euro come precedentemente calcolato: fanno circa 2.8 €cent. Per fare 12 km il costo è quindi di 0.34 € contro gli 1.5 € con una auto a benzina di piccola taglia.

La convenienza economica non è molto marcata se pensiamo al fatto che la Birò pesa 350 chilogrammi, è molto spartana, non ha il riscaldamento ne il condizionamento e sostituisce un ciclomotore mentre dall'altra parte l'auto a combustione interna pesa quasi 1 tonnellata ed è un'auto. Inoltre l'elettricità non è praticamente tassata mentre la benzina è tassata enormemente.

Solo ipotizzando uno Stato arraffone che volesse intascarsi 60-70 centesimi di euro per ogni 12 km percorsi come fa abitualmente con gli automobilisti che comprano la benzina, si arriverebbe ad avere la Birò che costa 1 euro contro i 1.5 euro di una Panda per fare 12 km.

Altra domanda sulle batterie ovvero durano 4 anni e dobbiamo fare almeno 200 mila chilometri, in pratica hanno la data di scadenza: riusciamo a sfruttarle in breve tempo? Se non è così i costi aumentano. Per esempio anche facendo 20 chilometri al giorno compresi il sabato e la domenica arriviamo a totalizzare 30 mila km in 4 anni e siamo molto al di sotto dei 200 mila km.

Se totalizziamo 20 km al giorno di media il costo al chilometro è di 13 €cent.
Se totalizziamo 40 km al giorno di media il costo al chilometro è di 7 €cent.

Ho visto che esiste pure la batteria Re-Move che ha gli stessi costi ma capacità dimezzata: in pratica vale anche per questa la preponderanza del costo della batteria sul costo dell'energia elettrica, quindi con 20 km al giorno di media ci costano come una panda a benzina.

Quanti chilowattora consuma la Birò?

Il consumo elettrico di una famiglia aumenterà sensibilmente se questa microcar entra in casa. Se per ipotesi si facessero mediamente 30 chilometri al giorno si consumerebbe circa 1.5 kWh al giorno ovvero 550 kWh all'anno. Una famiglia media consuma 2700 kWh all'anno, se entra una Birò il consumo sale a 3250 kWh se ricaricata solo a casa.

Il costo dell'energia elettrica, per la tariffa tutelata, per un consumo di 3500 kWh annui è di circa 667 euro a Roma. Questo un calcolatore delle tariffe.

Un mio articolo sulla tecnologia delle batteria al Litio-Ferro-Fosfato LiFePO4 usata dalla Birò.


Nota:
prima stesura di questo articolo: 13 ago 2011
riscrittura completa di questo articolo: 7 ott 2016



Non dimenticatevi di mettere la vostra opinione: scrivete il commento, premete "Inserisci" e il commento è immediatamente pubblicato: grazie!




Questo articolo è stato commentato 10 volte.

Ultimo commento inserito da Anonimo domenica 29 ottobre con il titolo: Commento veloce computer.

Commento:

Ottimo articolo, avevo fatto un conto con risultati molto simili. Andrebbe però comparata ad una minicar



Altri testi sullo stesso argomento li trovate elencati di seguito sotto l'argomento Automobili

Diaspora* button
-
Facebook button
9
Twitter button
-
Google+ button
0
LinkedIn button
0
TzeTze button
voti: 1
Data: 7 ott 2016
Letture di questo articolo: 14679
argomento: Automobili, articoli: Auto Elettrica - Teoria, Auto elettrica - La Reva G-Wiz, Automobile ad aria compressa, Proposte di Beppe Grillo sull'Energia, L'idrogeno, «rivoluzione» sulla carta , Automobili a Idrogeno (aggiornamento), Batterie al Litio Ferro Fosfato

argomento: Energia, articoli: Auto ibrida, Idea sul fotovoltaico, Eolico ad Alberona, Fotovoltaico a film sottile (silicio amorfo), Fotovoltaico a basso costo, Il Kitegen e l'Idrogeno (l'ignoranza dei giornalisti), Picco del petrolio nel 2006








Firefox: Riprenditi il web




Statistiche Europee d'uso dei browser 20/06/2018 :
Chrome...59%
Firefox..17%
IE.......8%
Safari...6%

Fonte: StatCounter

Borsa valori della moneta Bitcoin (19/06/2018):

prezzo di 1 bitcoin:
BTC 5837.23 €
LTC 85.24 €
IOTA 1.01 €


Fonte: coinmarketcap.com

Sostieni Wikileaks!
Se hai qualche bitcoin fai una donazione a wikileaks all'indirizzo:
1HB5XMLmzFVj8ALj6 mfBsbifRoD4miY36v

Queste sono le donazioni fatte fin'ora: 4043 bitcoin.




L'intero sito kensan.it ha avuto questi Share:

facebook: 8568
twitter: -
google+: 0
linkedIn: 0




IL TUO 5 PER MILLE PER GLI OSPEDALI DI EMERGENCY codice fiscale:
971 471 101 55




Uomo di Cheddar di 9'000 anni fa

Inglese di 9 mila anni fa ricostruito in base al DNA del Cheddar man il cui scheletro completo e ben conservato e stato ritrovato in Gran Bretagna. Aveva la pelle scura e gli occhi azzurri in base al DNA.

L’Uomo di Cheddar era un Homo Sapiens, era alto 166 centimetri e quando morì era intorno ai 20 anni. Faceva parte di una popolazione di cacciatori-raccoglitori, era intollerante al lattosio e agli amidi, aveva un sistema immunitario che lo difendeva da molte malattie. Quest'uomo è distante da noi solo 450 generazioni.

Lo spagnolo Uomo di La Braña, analogo a questo (pelle scura e occhi azzurri), era distante da noi solo 350 generazioni (7 mila anni).

Fonte: Nature


ESC 2018 logo

L'Eurovision Song Contest 2018 inizia il 8 e prosegue il 10 con la finale il 12 maggio. In tempo reale questa è la classifica dei 43 brani secondo le Views di YouTube.
kensan logo Licenza Creative Commons 3.0
I miei testi sono sotto la Licenza "Creative Commons 3.0 Italia": se sei interessato a pubblicare i miei articoli leggi le note aggiuntive (Licenza di kensan.it) dove troverai anche le attribuzioni dei diritti per tutte le immagini pubblicate.
Questo sito memorizza sul tuo pc uno o più cookie di tipo tecnico, leggi l'informativa estesa.
Kensan geek site

e-mail
e-mail cifrata