Trasparenza, Glasnost, Transparency

Il costo degli assorbenti

Data: 18 gen 2016


Sito on line dal 2003
Home page
email
Chi sono
Translation
𝒰na donna deve sopperire a dei costi notevoli in prodotti igienici come assorbenti, salvaslip e tamponi ma in genere non viene mai quantificato il costo complessivo. Da un articolo su Vanity Fair si hanno delle cifre precise per l'anno 2015:
Secondo dati Nielsen forniti da Lines Italia ed elaborati da Vanity Fair.it, nel 2015 sono stati vendute in Italia 144 milioni di confezioni di assorbenti, 48 milioni di confezioni di proteggislip e 9 milioni di confezioni di tamponi, per un giro d'affari totale di 460 milioni di euro. Di questi, l'Iva attuale pesa per ben 83 milioni di euro. Se venisse abbassata al 4% (15 milioni di euro) sottrarrebbe alle casse dello Stato (e farebbe rimanere nelle tasche delle italiane) circa 70 milioni di euro l'anno.
Il costo di questi prodotti è molto alto durante la vita di una donna. Tenendo conto che le donne sono 31 milioni (anno 2015) e che vivono in media 85 anni si ha un costo pro capite pari a circa 1260 euro. (460milioni/31milioni*85anni)

Invece il risparmio se l'IVA passasse dal 22% al 4% non è molto. Il risparmio pro-capite è pari a 2.26 euro all'anno che in una intera vita (85 anni) fanno 190 euro. Anche se in famiglia ci sono due figlie più la madre fanno solo 600 euro di risparmio per tre donne.

Le mestruazioni sono un costo per una donna (1250 €) e per una famiglia con molte donne sono pure un costo significativo ma ridurre l'IVA non è un risparmio molto elevato (190 € a testa). Trovo quindi poco utile un dibattito sul tema quando 190 euro possono essere dati dallo Stato alle donne in molte altre forme per esempio tramite gli asili nido. Comunque se si può fare in modo semplice perché non farlo?

Il problema in questi casi è la disparità di trattamento. Per esempio perché ridurre l'IVA sugli assorbenti femminili e non per i pannolini per i bambini? Poi per gli strascichi. Se si agisce sui pannolini perché non includere il latte in polvere? È evidente che ogni uno di questi prodotti ha un vicino che meriterebbe altrettanta diminuzione dell'IVA: per esempio gli assorbenti femminili hanno come vicino quelli per l'incontinenza degli anziani. Così facendo ci si allontana dall'intenzione originaria e si finisce per includere sempre più prodotti. Quando si pone un limite si scontenta evidentemente molta gente che vede due prodotti simili con l'IVA differente.






Calcolo matematico.

Se dividiamo la popolazione italiana a seconda dell'età avremo che p1 è il numero di donne che ha 1 anno, pi il numero di donne che ha i anni. Analogamente c1 è il costo in prodotti per l'igiene per le bambine che hanno 1 anno e ci quello delle donne che hanno i anni:

pi è il numero di donne italiane di età i ci è il costo dei prodotti per l'igene per le donne italiane di età i

Quindi il costo procapite (Cpc) per i prodotti durante l'intera vita di una donna è:

Cpc = n = 1 max ci pi

dove max è la massima età che le donne italiane riescono a raggiungere.

Se facciamo l'approssimazione che le donne non muoiano mai se non all'età di 85 anni (età media per le donne, max=85), in pratica che non ci siano morti premature allora avremmo un modello semplificato dove:

pi = P max

dove ovviamente P è la popolazione femminile totale (31 milioni):

P = n = 1 max pi

e C è il costo totale dei prodotti ovvero 460 milioni di euro:

C = n = 1 max ci

Sostituendo la seconda formula nella prima si ha:

Cpc = max P n = 1 max ci = C P max

che è la formula che abbiamo applicato nei calcoli mostrati (460milioni/31milioni*85anni).

Si noti che il Cpc non è calcolato sulla vita di una donna ma su quello del 2015 delle donne che hanno 1,2,3..100+ anni: è un collage di donne.

Quanta differenza c'è tra il modello semplificato di quest'articolo è la realtà? Per questo ci viene in aiuto la piramide dell'età che si può trovare nel sito Tuttitalia.it e che si basa su dati ISTAT dell'anno 2015.

Piramide dell'etaQuesta a fianco è la piramide del 2015 e si vede il grafico delle classi di età vs popolazione femminile (a destra). È mostrata la linea verde degli 85 anni di età e la linea della media della popolazione per classi secondo il calcolo visto in precedenza P/85. In pratica tra la linea orizzontale degli 85 anni e la linea verde verticale sta tutta la popolazione femminile P. La linea verde verticale è situata sul valore di 1.8 milioni (P/85*5).

Nella realtà (grafico a fianco) le classi oltre i 35 anni sono più numerose che nel modello semplificato mentre al di sotto avviene il vice versa. Sconosciuto è invece il dato del costo dei prodotti igienici femminili per classi di età.

Calcolo dell'errore del modello



Non dimenticatevi di mettere la vostra opinione: scrivete il commento, premete "Inserisci" e il commento è immediatamente pubblicato: grazie!




Questo articolo è stato commentato 3 volte.

Ultimo commento inserito da Anonimo mercoledì 20 gennaio con il titolo: menopausa.

Commento:

Usare si possono usare, solo che non servono, dopo una certa età il ciclo mestruale si interrompe.



Altri testi sullo stesso argomento li trovate elencati di seguito sotto l'argomento Off Topics

Diaspora* button
-
Facebook button
0
Twitter button
-
Google+ button
0
LinkedIn button
0
TzeTze button
voti: 0
Data: 18 gen 2016
Letture di questo articolo: 1267
argomento: Off Topics, articoli: La befana (la vecchia), Souvenir dal mondo, Preti pedofili, Scarpe inclinanti * antigravità








Firefox: Riprenditi il web




Statistiche Europee d'uso dei browser 13/11/2018 :
Chrome...68%
Firefox..12%
Safari...6%
IE.......5%

Fonte: StatCounter

Borsa valori della moneta Bitcoin (13/11/2018):

prezzo di 1 bitcoin:
BTC 5637.21 €
LTC 44.03 €
IOTA 0.43 €


Fonte: coinmarketcap.com

Sostieni Wikileaks!
Se hai qualche bitcoin fai una donazione a wikileaks all'indirizzo:
1HB5XMLmzFVj8ALj6 mfBsbifRoD4miY36v

Queste sono le donazioni fatte fin'ora: 4043 bitcoin.




L'intero sito kensan.it ha avuto questi Share:

facebook: 8650
twitter: -
google+: 0
linkedIn: 0




IL TUO 5 PER MILLE PER GLI OSPEDALI DI EMERGENCY codice fiscale:
971 471 101 55




Uomo di Cheddar di 9'000 anni fa

Inglese di 9 mila anni fa ricostruito in base al DNA del Cheddar man il cui scheletro completo e ben conservato e stato ritrovato in Gran Bretagna. Aveva la pelle scura e gli occhi azzurri in base al DNA.

L’Uomo di Cheddar era un Homo Sapiens, era alto 166 centimetri e quando morì era intorno ai 20 anni. Faceva parte di una popolazione di cacciatori-raccoglitori, era intollerante al lattosio e agli amidi, aveva un sistema immunitario che lo difendeva da molte malattie. Quest'uomo è distante da noi solo 450 generazioni.

Lo spagnolo Uomo di La Braña, analogo a questo (pelle scura e occhi azzurri), era distante da noi solo 350 generazioni (7 mila anni).

Fonte: Nature
kensan logo Licenza Creative Commons 3.0
I miei testi sono sotto la Licenza "Creative Commons 3.0 Italia": se sei interessato a pubblicare i miei articoli leggi le note aggiuntive (Licenza di kensan.it) dove troverai anche le attribuzioni dei diritti per tutte le immagini pubblicate.
Questo sito memorizza sul tuo pc uno o più cookie di tipo tecnico, leggi l'informativa estesa.
Kensan geek site

e-mail
e-mail cifrata