Trasparenza, Glasnost, Transparency

Sondaggi

Data: 27 feb 2013


Sito on line dal 2003
Home page
email
Chi sono
Translation
ℐn molte elezioni i sondaggisti hanno dato dei dati che poi alla prova dei fatti si sono rivelati completamente sbagliati. Nelle elezioni 2013 come è andata per i sondaggisti e per i giornalisti che pendono dalle loro labbra? Vediamo. L'istant poll ovvero il sondaggio molto approfondito fatto via telefonica di rete fissa e via rete mobile dall'istituto Piepoli per la RAI, il giorno delle elezioni ha dato questo responso per la Camera che è a suffragio universale:

Istant poll Istituto Piepoli Elezioni 2013

Le urne si sono chiuse alle 15:00 del 25 febbraio 2013 e la RAI ha dato un minuto dopo il risultato elettorale basato su 20 mila interviste telefoniche. Vediamo subito che la forchetta è di un +/- 1%, quindi i dati del sondaggio ovvero dell'Instant poll sono ritenuti molto precisi. Andiamo a considerare il valore centrale del sondaggio di Piepoli e confrontiamolo con i risultati reali:


Sondaggio (Piepoli)
Dato reale (Viminale)
PD
32%
25.42%
PDL
22%
21.56%
M5S
20%
25.55%
Monti
7%
8.30%
Lega
4.5%
4.08%
SEL
3%
3.20%


Prima di tutto diciamo che un buon sondaggio costa molti soldi e che l'istant poll fatto il giorno delle elezioni è sicuramente un buon sondaggio, fatto al meglio delle possibilità attuali. Non è facile disporre delle risorse finanziarie per fare un buon sondaggio per cui alcuni osservatori dubitano che quelli che si sono visti prima delle elezioni siano tutti sondaggi validi.

Piepoli ha sicuramente sbagliato di un 6.5% il risultato del PD, ha poi sbagliato di un soffio quello del PDL rientrando ampiamente nell'errore del 1%. Per quanto riguarda il M5S l'errore è del 5.5%. Nei primi 4 risultati elettorali 2 sono completamente sbagliati e due sono corretti.

Due errori disastrosi non sono una coincidenza ma una costante che si verifica ogni volta che i sondaggi devono fare i conti con la realtà ovvero durante molte elezioni. Ragionevolezza vuole che sia meglio attribuire ai sondaggi fatti bene un margine di errore minimo pari all'errore massimo che si ha in pratica ovvero un +/-6.5% ma esiste un problema sociale ovvero che nessun giornalista potrebbe scrivere un articolo basandosi su sondaggi con un errore di tale entità.

Immaginiamo Eugenio Scalfari di Repubblica che debba disquisire del sondaggio pre-elettorale in cui il suo PD abbia il 25% con un errore del +/-7% ovvero con una forchetta che va dal 18% e arriva al 32% mentre il PDL abbia il 21% con un range tra il 14% e il 28%. Semplicemente non si potrebbero riempire pagine di illazioni giornalistiche e i sondaggisti sarebbero disoccupati.

Forse non tutti hanno presente che i sondaggi non hanno mai un confronto con la realtà, l'unica eccezione sono le elezioni politiche e qui falliscono miseramente ad ogni votazione. Ci sono delle conseguenze di un tale ragionamento: il più grande sondaggio che si vede tutti i giorni è quello dell'Auditel che mostra quante "persone" hanno visto il tale programma o la tale rete televisiva.

Ovviamente l'Auditel ha problemi più grossi dell'istant poll di Piepoli, ha secondo me un errore più rilevante. Il problema principale è infatti che l'80% delle persone intervistate dall'istant poll rifiuta di rispondere e tale percentuale è molto più elevata per quanto riguarda l'Auditel. Quasi nessuno accetta di sottoporsi al meccanismo di raccolta dati dell'Auditel che consta di una macchina elettronica da mettere accanto alla TV e di un lavoro da fare.

Via di questo passo si rimettono in discussione tutti i sondaggi che non hanno motivo di dirci come stanno le cose perché non lo sanno se non con un errore enorme. Per esempio che senso avrebbe dire che i cattolici sono il 30% della popolazione con un errore del 20%? Alla luce dei fatti è meglio fare un passo indietro e basarsi su dati reali e molto, molto meno sui dati dei sondaggi che dati non sono.

In aggiunta una mia considerazione. Non penso che il M5S abbia aumentato i suoi consensi nelle ultime due settimane di campagna elettorale e ricordo chiaramente quali fossero i numeri che nelle televisioni e nei giornali importanti circolavano, eccoli:

Demopolis

IPSOS di Nando Pagnoncelli per la trasmissione Ballarò della RAI del 5 febbraio a 20 giorni dal voto:

IPSOS


Piepoli, il sondaggista della RAI, è poi quello che dava il M5S all'11% fino a qualche giorno prima del voto del 24 e 25 febbraio:

Piepoli
Fino al 4 febbraio i suoi numeri erano pari al 11%, saliti in una notte di ben 2 punti percentuali forse per evitare brutte figure nella sottostima del movimento che a pelle sentiva consistente più dei suoi numeri.

Sul Corriere della Sera Mannheimer diceva l'8 febbraio:

Mannheimer

Si vede chiaramente come il M5S fosse sottostimato di una decina di punti percentuali, forse anche una quindicina, e dubito che in 15 giorni sia cambiata la situazione, credo che semplicemente i sondaggi elettorali abbiano un grosso margine di errore che non viene detto dai giornalisti perché il sistema giornalisti-sondaggisti funziona ed è remunerativo per tutti.

𝒜ℬ𝒞𝒟ℰℱ𝒢ℋℐ𝒥𝒦ℒℳ𝒩𝒪𝒫𝒬ℛ𝒮𝒯𝒰𝒱𝒲𝒳𝒴𝒵

Se siete persone comunicative non dimenticatevi di mettere la vostra opinione: scrivete il commento, premete "Inserisci" e il commento è immediatamente pubblicato: grazie!




lepre veloce



Altri testi sullo stesso argomento li trovate elencati di seguito sotto l'argomento Statistica

Diaspora* button
-
Facebook button
0
Twitter button
-
Google+ button
0
LinkedIn button
0
TzeTze button
voti: 0
Data: 27 feb 2013
Letture di questo articolo: 1200
argomento: Statistica, articoli: La precisione dei sondaggi

argomento: Media, articoli: Lo share di Repubblica e Corriere on line, Critica all'Auditel, Le perdite dei giornali on line, Le vendite dei giornali di carta, Eurovision Song Contest (Classifica Youtube), Fiducia nei Media, Fake news per censurare

argomento: Politica, articoli: Legge Elettorale Porcellum, Prima censura in Italia ad Internet (censura alla cinese), Politica Energetica (di Jimmy Carter), Fascismo e leggi razziali, Internet e Antonio Di Pietro, Tutte le guerre americane, Piove, governo ladro

argomento: Matematica, articoli: Filtri Bayesiani, Anonymous Remailer (GnuPG e la posta elettronica), Palladium, Cifrario matriciale, Nozioni di Crittografia, Informazione di una Password


obiezione respinta logo
Segnalazioni rivolte al mondo femminile ma non solo, delle farmacie, degli ospedali e dei consultori che non rispettano la legge e che non offrono la pillola anticoncezionale, che non fanno IVG, che non danno la RU486, che trattano malissimo la paziente, che non danno la pillola dei 5 giorni dopo magari con la scusa che l'hanno finita. Ma anche le segnalazioni positive di buona sanità, di competenza e attenzione.
Mappa delle segnalazioni.



Firefox: Riprenditi il web




Statistiche Europee d'uso dei browser 24/07/2017 :
Chrome...54%
Firefox..20%
IE.......9%
Safari...6%

Fonte: StatCounter

Borsa valori della moneta Bitcoin (24/07/2017):

prezzo di 1 bitcoin:
2369.36 €
LTC
DRK


Fonte: Bitcoincharts.com

Sostieni Wikileaks!
Se hai qualche bitcoin fai una donazione a wikileaks all'indirizzo:
1HB5XMLmzFVj8ALj6 mfBsbifRoD4miY36v

Queste sono le donazioni fatte fin'ora: 4024 bitcoin.




L'intero sito kensan.it ha avuto questi Share:

facebook: 6587
twitter: -
google+: 61
linkedIn: 0




IL TUO 5 PER MILLE PER GLI OSPEDALI DI EMERGENCY codice fiscale:
971 471 101 55







Ciao Anonimo, commenta questo articolo!

NON ci sono ancora COMMENTI per questo articolo :

commenti abilitati per gli anonimi
Commenti sperimentali
by kensan & Mp
Pubblicità
kensan logo Licenza Creative Commons 3.0
I miei testi sono sotto la Licenza "Creative Commons 3.0 Italia": se sei interessato a pubblicare i miei articoli leggi le note aggiuntive dove troverai anche le attribuzioni dei diritti per tutte le immagini pubblicate.
Questo sito memorizza sul tuo pc uno o più cookie di tipo tecnico, leggi l'informativa estesa.
Kensan geek site

e-mail
e-mail cifrata