Trasparenza, Glasnost, Transparency

Telegiornali per vecchi

Data: 18 dic 2014
ultima modifica: 22 gen 2017

Sito on line dal 2003
Home page
email
Chi sono
Translation
ℒa TV è vecchia e in particolare i telegiornali della sera sono vecchissimi, l'età media  aumenta ogni anno e siamo arrivati a 64 anni per il TG3 nel 2014. Oltre a aumentare l'età media diminuiscono i telespettatori dei TG come si vede nella seconda tabella. Per esempio il TG1 è passato da 6 milioni e mezzo a poco più di 5 milioni di telespettatori per l'edizione delle 20 del telegiornale.

Possiamo dire che i nonnini che passano a miglior vita lasciano vuota la loro poltrona davanti al telegiornale e non vengono rimpiazzati né dai nipoti e né dai loro figli che preferiscono guardarsi Internet.

Età media
2005
2010
2013
2014
TG1 58
60
60
61
TG2
48
53
56
56
TG3 59
61
63
64
TG5 50
52
50
51
TG La7
-
57
58
60

È uno spreco di risorse che un mezzo così potente come la TV sia relegato ai margini della vita dei giovani soprattutto per quanto riguarda i telegiornali. Gli spettatori sono in calo generalizzato indicando la disaffezione per il mezzo informativo dei giovani che scelgono altre vie per "fare politica". Oppure il calo indica che i telegiornali sono oramai ostaggio della parte vecchia della nostra società e non più corrispondente alle esigenze politiche dei giovani.

Spettatori (.000)
2005
2010
2013
2014
TG1 6.578 5.920 5.240 5.136
TG2
2.481 2.309 2.082 2.011
TG3 2.365 2.217 2.077 1.706
TG5 6.014 4.914 4.288 4.165
TG La7
-
2.166 1.645 1.316

Ai telegiornali va il compito di informare ovvero di formare le menti su come è fatto il mondo fuori dal proprio uscio e le due tabelle qui sopra indicano uno scollamento tra quello che viene rappresentato dai media per i vecchi e la percezione della realtà dei giovani.

I telegiornali stanno diventando un ghetto per vecchi che viene decimato dalla vecchiaia man mano che passano gli anni.

L'età media degli italiani è di 43 anni e quindi i tg hanno un pubblico più vecchio di quasi 20 anni che corrisponde a una generazione.

Non è vero che i più anziani guardino la TV perché non sanno usare Internet in quanto nel resto d'Europa la gran parte degli anziani usa la Rete. Sono i telegiornali a fare notizie per vecchi sia perché gli anziani si ammassano davanti alla TV all'ora di cena, sia perché gli anziani rispondono agli inviti dei leader e dei giornalisti, rappresentando una "massa" di voti fondamentale per la vita politica del paese.

Se l'anziano vuole garantirsi la pensione e sapere per chi votare guarda la TV e non certo Internet. I giovani che la pensione non ce l'hanno e forse mai ce l'avranno guardano Internet. I soldi sono un fattore determinante per le scelte dei cittadini (non di tutti).

La fonte per i dati è di Econmedia che rielabora i dati Auditel. Sui dati Auditel esprimo il mio scetticismo descritto in questo testo che però non inficia la validità di queste tabelle interpretate come tendenza.

La ricerca di Econmedia evidenzia un dato generale che riguarda la "vecchitudine", la senescenza della TV, soprattutto di RAI1, ma che non riguarda Sky che ha una età media molto bassa e si può definire una tv per giovani. Interessante è il fatto che Sky non è italiana e quindi non è coinvolta nel groviglio di interessi cui tutte le TV nazionali si sono infilate da decenni.

All'atto pratico si notano i molti dispetti fatti dalla politica a Sky tra cui la questione del decoder e la questione della RAI sul satellite che hanno fatto perdere molti denari a Sky. Evidentemente i soldi sono ancora dirimenti per indicare che gli anziani che si radunano davanti ai TG comandano e dirottano i soldi presso le loro tasche e presso quelle del sistema che li sostiene.

Comunque l'invecchiamento degli ascoltatori della TV pubblica non riguarda solo i telegiornali. La RAI è diventata una TV prevalentemente per gli anziani, chi ha in media più di 55 anni di età è:
  • il 62% di chi guarda la RAI
  • per Mediaset il dato scende al 43%
  • per Sky scende ancora al 29%.
I giovani da 25 a 44 anni che guardano in media la TV sono:
  • per la RAI solo il 16%
  • 25 % per Mediaset
  • 33% per Sky.
RAIuno è la rete più “vecchia” in assoluto, il 69% dei suoi ascoltatori ha più di 55 anni, quindi il 31% ha meno di 55 anni, tra questi i giovani tra i 25 e i 34 anni sono solo il 5%.

Recentemente è stato molto seguito uno spettacolo di Benigni che ha totalizzato uno share molto alto, quasi il 40%, con titoli trionfalistici in tutti i media. Però cercando il dato dell'età media del pubblico che ha visto lo spettacolo su RAIuno troviamo l'ennesima conferma della senescenza del pubblico televisivo, in questo caso 57 anni. Supponendo che la curva dell'età sia simmetrica vuol dire che i centenari sono stati pari ai ventenni che hanno visto Benigni e di centenari non ce ne sono molti.

In generale l'invecchiamento molto forte della TV non è cosa solo italiana ma anche in USA avviene lo stesso. Il WashingtonPost ha pubblicato un articolo con molti dati sulla situazione del nord america, una traduzione in italiano è su Mondo alla Rovescia. Addirittura la CBS, un famoso network, ha una età media di quasi 60 anni, questo vuole praticamente dire che solo chi ha tra i 50 e i 70 anni guarda quella rete.

Aggiornamento 22 gen 2017: Per riportare in grafico il fatto che la TV è vecchia e per aggiornare i dati mostro questa immagine tratta dal FattoQuotidiano.it:

TV vecchia

Il grafico è di novembre 2016 e mostra un'età media oltre i 60 anni per i tre telegiornali: TG1, TG3 e TG la7. Come i TG aumentano la propria senescenza avviene anche che la TV pubblica (RAI) e privata (Mediaset) diminuisce i propri telespettatori e soprattutto diminuiscono le entrate pubblicitarie:
Ricavi TV

Si noti che nel 2015 rispetto a cinque anni prima i ricavi pubblicitari sono diminuiti di circa un quinto sia per Mediaset che per la RAI. Questo significa che i soldi non vanno più alla TV ma che stanno andandosene e che quindi la TV sta diventando meno "potente" come mezzo di informazione. La TV sta declinando.

Ovviamente ci sono pure gli aspetti positivi come il fatto che la TV di Murdoch, Sky, è in ottima salute ma Sky non è la TV del potere, non ci sono i partiti, non ci sono le leggi che vengono approvate a furore di TV e dei suoi telespettatori dentro Sky. Si noti che nella figura dei ricavi TV la leggenda è sbagliata e RAI e Sky sono scambiati.

𝒜ℬ𝒞𝒟ℰℱ𝒢ℋℐ𝒥𝒦ℒℳ𝒩𝒪𝒫𝒬ℛ𝒮𝒯𝒰𝒱𝒲𝒳𝒴𝒵

Se siete persone comunicative non dimenticatevi di mettere la vostra opinione: scrivete il commento, premete "Inserisci" e il commento è immediatamente pubblicato: grazie!




lepre veloce



Altri testi sullo stesso argomento li trovate elencati di seguito sotto l'argomento Media

Diaspora* button
-
Facebook button
0
Twitter button
-
Google+ button
0
LinkedIn button
0
TzeTze button
voti: 0
Data: 18 dic 2014
ultima modifica: 22 gen 2017
Letture di questo articolo: 1174
argomento: Media, articoli: Violenza sulle donne, La precisione dei sondaggi, Le perdite dei giornali on line, Le vendite dei giornali di carta, nano-Blog, Eurovision Song Contest (Classifica Youtube), Fake news per censurare


obiezione respinta logo
Segnalazioni rivolte al mondo femminile ma non solo, delle farmacie, degli ospedali e dei consultori che non rispettano la legge e che non offrono la pillola anticoncezionale, che non fanno IVG, che non danno la RU486, che trattano malissimo la paziente, che non danno la pillola dei 5 giorni dopo magari con la scusa che l'hanno finita. Ma anche le segnalazioni positive di buona sanità, di competenza e attenzione.
Mappa delle segnalazioni.



Firefox: Riprenditi il web




Statistiche Europee d'uso dei browser 19/08/2017 :
Chrome...54%
Firefox..20%
IE.......9%
Safari...6%

Fonte: StatCounter

Borsa valori della moneta Bitcoin (19/08/2017):

prezzo di 1 bitcoin:
3605.63 €
LTC
DRK


Fonte: Bitcoincharts.com

Sostieni Wikileaks!
Se hai qualche bitcoin fai una donazione a wikileaks all'indirizzo:
1HB5XMLmzFVj8ALj6 mfBsbifRoD4miY36v

Queste sono le donazioni fatte fin'ora: 4025 bitcoin.




L'intero sito kensan.it ha avuto questi Share:

facebook: 6605
twitter: -
google+: 61
linkedIn: 0




IL TUO 5 PER MILLE PER GLI OSPEDALI DI EMERGENCY codice fiscale:
971 471 101 55







Ciao Anonimo, commenta questo articolo!

Questo articolo è stato commentato 4 volte.

Ultimo commento inserito da kensan mercoledì 24 dicembre con il titolo: xZiomik.

commenti abilitati per gli anonimi
Pubblicità
kensan logo Licenza Creative Commons 3.0
I miei testi sono sotto la Licenza "Creative Commons 3.0 Italia": se sei interessato a pubblicare i miei articoli leggi le note aggiuntive dove troverai anche le attribuzioni dei diritti per tutte le immagini pubblicate.
Questo sito memorizza sul tuo pc uno o più cookie di tipo tecnico, leggi l'informativa estesa.
Kensan geek site

e-mail
e-mail cifrata