Internet e le Istituzioni


1
L'arrivo del popolo degli scaricatori ha portato la politica ad interessarsi della Rete italiana con la legge Urbani. È solo l'ultimo tassello di una invasione di una Internet Anarchica. Prima è arrivato il volgo e in coda lo Stato, né l'uno né l'altro hanno rispetto per la Rete (L'Arrivo dei Barbari). Chi ha navigato nelle acque primordiali della ragnatela elettronica si sente circondato dalle Istituzioni che da tutti i fronti minacciano le libertà date per scontate nella Ragnatela.

Sembra un circolo vizioso, più la Rete diventa importante, più gente arriva e più i politici e le autorità precostituite impongono regole di cui non se ne sente la necessità ma che sottraggono sempre più libertà. Un tempo l'unica regola era la netiquette, era un accordo tra gentiluomini e gentildonne, moltissimi si prodigavano affiché fosse rispettata, sostituiva le leggi dello Stato e quelle della Chiesa. Non si sentiva il bisogno di avere la Polizia che ci costringesse ad essere dei bravi Internauti.

Con la Rete di massa, pare si sia arrivati a 14 milioni di navigatori, ciò che si dice e si fa in Internet ha valore sociale ed economico e quindi va controllato in ogni modo. I fronti sono due, uno di tipo etico/morale e l'altro di tipo coercitivo/intimidatorio. Si sta facendo passare l'idea che è giusto il controllo da parte delle Istituzioni ed è giusto punire chi non si piega al controllo.

I giornalisti attaccano Internet per la mancanza di controllo sulla veridicità delle notizie. Un caso particolare è stato un Blog che ha informato sulla storia della società per cui gli ostaggi italiani in Iraq lavoravano (dts security llc), storia dimostratasi falsa. In quel caso i giornalisti hanno attaccato i Blog come fonte di informazioni non attendibili.

Da tempo le varie associazioni e personaggi politici chiedono che i bambini possano navigare in Internet. Hanno fatto battaglie affinché il materiale pedo-pornografico non circolasse più nella Rete ma in realtà il loro scopo è il controllo di Internet, mettere la catena alla Ragnatela sul modello televisivo o se si vuole sul modello Cinese.

Il fronte si è spostato, si critica sottovoce la pornografia nella Rete, si chiede che le informazioni siano certificate come vere da parte di Autorità. Si è iniziato a dare privilegi ai siti di informazione registrati e che accettano una regolamentazione tramite la legge sull'editoria, ora si parla di impedire che le falsità siano dette, non ci si preoccupa che spesso la verità e la menzogna cambiano di posto: i partigiani italiani erano terroristi per i nazisti.

Ultimamente l'istituzione più antica d'Italia, la Chiesa di Roma, chiede che l'informazione sia vera e che non si rubi la conoscenza altrui. Parla dei peccati che commetterebbero gli internauti che credono nel suo verbo. Tutto il contrario dei princîpi fondanti della Rete che, in quanto Anarchica e collaborativa, chiede che la conoscenza sia condivisa e che ci sia la libertà di diffondere le informazioni di qualsiasi tipo siano.

I bollini rossi o verdi che la Chiesa chiede siano messi sulle notizie è l'ultima regola che si cerca di imporre per legge ad Internet da parte dei politici. Le autorità morali o istituzionali inondano la popolazione con l'idea che è giusto ed etico controllare e che il non-controllo, l'anarchia che faceva funzionare la Rete, è male sotto molteplici punti di vista: i loro. Ormai l'accerchiamento è in via di completamento.

Esiste poi il livello del piegare i più recalcitranti al controllo, le pressioni sul navigatore, il fiato sul collo del cybernauta. Le proposte del legislatore sono le più varie, alcune sono state bocciate, altre sono legge, comunque indicano una volontà precisa. Si va dalla richiesta di depositare le proprie pagine web presso un controllore governativo, alla conservazione dei file di Log delle nostre navigazioni da parte dei provider per 30 mesi. Si va dai dati personali dei proprietari di siti web memorizzati nel whois e pubblici, all'indirizzo IP della nostra connessione ad Internet memorizzato insieme a ogni nostro commento fatto nei forum, questo ultimo punto a causa del dilagare della paura di atti repressivi da parte delle Istituzioni.

La signora Anarchia che un tempo aveva trovato dimora in Internet si ritrova con le Istituzioni di ogni tipo che si apprestano a sfrattarla da quella che molti considerano la sua casa. La netiquette viene sostituita con un'Internet della Polizia.

Da questo accerchiamento potrebbe nascere la sostituta della TV del nuovo secolo, avrebbe in comune con il vetusto media il fatto di essere adatta ai bambini e soprattutto sarebbe gradita a tutte le Istituzioni, Chiesa compresa.

Se si arriverà a tanto, se si proseguirà in questa funesta direzione, funesta per la libertà di pensiero, allora spunteranno come funghi personaggi che ci racconteranno come l'Anarchia di Internet fosse divenuta insostenibile e che per il bene della Rete sono state fissate delle regole.

In quel momento noi che amavamo la libertà dei newsgroups, dei siti, dei Blog e delle reti P2P sapremmo dove sta la verità e che le nuove regole per Internet, che tutte le Istituzioni chiedono e impongono, servono solo a prolungare il loro potere e il loro controllo sulla Ragnatela delle ragnatele.

Le vie d'uscita ci sono ma riguardano l'uso di programmi appositi, di reti anonime, in generale di scendere in una rete sotterranea di comunicazioni come ai tempi delle catacombe.
Ciao Anonimo, commenta questo articolo!

NON ci sono ancora COMMENTI per questo articolo :

commenti abilitati per gli anonimi
Commenti sperimentali
by kensan & Mp
kensan logo Licenza Creative Commons 3.0
I miei testi sono sotto la Licenza "Creative Commons 3.0 Italia": se sei interessato a pubblicare i miei articoli leggi le note aggiuntive (Licenza di kensan.it) dove troverai anche le attribuzioni dei diritti per tutte le immagini pubblicate.
Questo sito memorizza sul tuo pc uno o piĆ¹ cookie di tipo tecnico, leggi l'informativa estesa.
Kensan geek site

e-mail
e-mail cifrata
Sandro kensan

kensan.it Geek&Hacker site Owner, 24 mag 2004