Trasparenza, Glasnost, Transparency

Diritto all'oblio

Censura di un mio articolo

Data: 12 mar 2017


Sito on line dal 2003
Home page
email
Chi sono
Translation
ℳi è arrivata questa email da parte di Google che riguarda il diritto all'oblio e riguarda il mio articolo "Contro la violenza sulle donne". In pratica l'articolo in questione è in parte censurato da Google e da tutti i principali motori di ricerca in base alla normativa europea sul diritto all'oblio.

Per chi non lo sapesse il diritto all'oblio è una nuova parte della legge sulla privacy che stabilisce che una persona abbia il diritto di nascondere fatti di cronaca che lo abbiano visto coinvolto in prima persona e che sono stati descritti dai mezzi di informazione.

L'oblio sta appunto per fare dimenticare alla gente quel che è accaduto soprattutto in termini negativi ad una persona coinvolta con nome e cognome in fatti di cronaca spesso nera.

Ho presentato una richiesta a Google di prendere di nuovo in considerazione il mio testo dopo averlo depurato di un dato non necessario per descrivere i fatti ovvero di chi era figlia la vittima. Sperando che questo sia il motivo per avere censurato il mio scritto (ma non credo). Credo che i presunti violentatori (poi assolti in secondo e terzo grado) abbiano fatto richiesta a Google di non essere più identificati come tali dagli articoli di giornale che sono stai pubblicati all'epoca dei fatti.

In effetti mettendo come parole di ricerca su Google i nomi dei protagonisti maschi e i luoghi del misfatto, il mio articolo non compare più mentre altri motori di ricerca come DuckDuckGo continuano a mostrare il mio testo. Mettendo invece il nome della vittima riesco a vedere l'articolo anche tramite Google search.

Non mi arrischio a mostrare il nome dei protagonisti altrimenti anche questo testo potrebbe essere oscurato da Google. Comunque Google si attiene a una legge europea e nemmeno tanto volentieri per cui ad di fuori di Google.it e dei vari Google europei l'articolo è visibile ma è una magra consolazione per un testo scritto in italiano.

Si tenga presente che grosso modo il 95% di chi arriva sui miei articoli lo fa provenendo da Google, quindi il testo in questione non sarà più visibile. Come risulta dalla missiva solamente con certi termini il motore Google non mostrerà il mio articolo, quindi la censura è parziale.

I protagonisti dello stupro condannati in primo grado ma poi assolti negli altri gradi di giudizio probabilmente hanno attivato la procedura del diritto all'oblio presso Google, procedura andata a buon fine e l'atto finale è l'email riportata qui sotto che ho ricevuto questa mattina di domenica.

Ringrazio Google per avermi fornito il link all'articolo che è censurato e per la sua resistenza nel cercare di non applicare il diritto all'oblio e comunque di limitarlo sui suoi search engine europei. Detto questo è meglio usare motori alternativi per avere le informazioni che il diritto all'oblio censura.

La email è intitolata: "Notifica di rimozione dalla Ricerca Google ai sensi della legge europea per la protezione dei dati" ed è datata 12 marzo 2017 ore 03:28, domenica. La provenienza è: Google Search Console Team <sc-noreply@google.com>.



Message type: [WNC-598700]
Search Console

Notifica di rimozione dalla Ricerca Google ai sensi della legge europea per la protezione dei dati

A: Webmaster del sito http://www.kensan.it/,

A seguito di una richiesta presentata ai sensi della legge europea per la protezione dei dati, Google non può più mostrare una o più pagine del tuo sito nei risultati della Ricerca Google. Questo vale soltanto per le risposte ad alcune query di ricerca relative a nomi o altri dati personali che potrebbero essere mostrati nelle pagine del tuo sito. Sono interessati soltanto i risultati delle versioni europee di Google. Non è necessario il tuo intervento.

Tieni presente che:

Non è stata bloccata completamente la visualizzazione delle pagine in questione nei risultati di ricerca

È stata bloccata solamente in determinate ricerche di nomi di persone nelle versioni europee della Ricerca Google. Pertanto, queste pagine continueranno a essere visualizzate nei risultati di altre ricerche.

Non possiamo rendere pubbliche le query che sono state interessate.

In molti casi, le query interessate non riguardano nomi di persone menzionati in una posizione di primo piano della pagina.

Ad esempio, i nomi potrebbero essere presenti soltanto in una sezione di commenti.

Informaci in caso di dubbi

Puoi fornire a Google eventuali informazioni aggiuntive relative ai contenuti di una pagina in merito alla quale ritieni che Google debba cambiare idea. Tieni presente che leggiamo tutte le richieste ma non rispondiamo sempre. Solamente il proprietario registrato del sito può accedere a questo modulo.

Ti serve ulteriore assistenza?

Leggi informazioni sulla procedura di rimozione seguita da Google ai sensi della legge europea per la protezione dei dati.
Google Inc. 1600 Amphitheatre Parkway Mountain View, CA 94043, USA | Annulla la ricezione di messaggi di questo tipo
Aggiungi i partner che dovrebbero ricevere i messaggi relativi a questo account Search Console.


La lettera di Google riporta il link alla procedura da seguire per esercitare il diritto all'oblio e che probabilmente i protagonisti del mio articolo hanno seguito. Questo il testo presente sul sito di Google in cui si illustra la procedura e i casi in cui è applicabile tale diritto:
Richiesta di rimozione di risultati di ricerca ai sensi della legge europea per la protezione dei dati personali

Contesto

La sentenza della Corte di giustizia dell'Unione europea C-131/12, del 13 maggio 2014 ha disposto che i singoli individui possono chiedere ai motori di ricerca di rimuovere specifici risultati che appaiono effettuando una ricerca con il proprio nome, qualora tali risultati siano relativi all’interessato e risultino obsoleti. Un risultato può essere considerato obsoleto quando la tutela dei dati personali dell'interessato prevale rispetto all’interesse pubblico alla conoscenza della notizia cui tale risultato rimanda.

Per questo tipo di richieste, la sentenza della Corte di giustizia dell’Unione europea ci chiede di bilanciare i diritti alla privacy della persona con il diritto di rendere accessibili le informazioni e con l'interesse del pubblico di trovarle. Durante la valutazione della richiesta stabiliremo se i risultati includono informazioni obsolete sull'utente e se le informazioni sono di interesse pubblico. Ad esempio, potremmo decidere di non rimuovere determinate informazioni che siano recenti o che riguardino frodi finanziarie, negligenza professionale, condanne penali o la condotta pubblica di funzionari statali.


𝒜ℬ𝒞𝒟ℰℱ𝒢ℋℐ𝒥𝒦ℒℳ𝒩𝒪𝒫𝒬ℛ𝒮𝒯𝒰𝒱𝒲𝒳𝒴𝒵

Se siete persone comunicative non dimenticatevi di mettere la vostra opinione: scrivete il commento, premete "Inserisci" e il commento è immediatamente pubblicato: grazie!




lepre veloce



Altri testi sullo stesso argomento li trovate elencati di seguito sotto l'argomento Donne

Diaspora* button
-
Facebook button
0
Twitter button
-
Google+ button
0
LinkedIn button
0
TzeTze button
voti: 0
Data: 12 mar 2017
Letture di questo articolo: 774
argomento: Donne, articoli: La ragazza della Fortezza da Basso, Contro la violenza sulle donne, Autodeterminazione delle donne, Ru 486

argomento: Kensan, articoli: Visitatori di kensan.it, Gestione dei contenuti di kensan.it (CMS), Souvenir dal mondo, Alcuni diritti riservati di www.kensan.it , Il mio primo sito, Defacement kensan.it, Chi sono

argomento: Europa, articoli: No Europa (euroscetticismo), Default dell'Italia, Default di Cipro

argomento: Google, articoli: Google Sidewiki


obiezione respinta logo
Segnalazioni rivolte al mondo femminile ma non solo, delle farmacie, degli ospedali e dei consultori che non rispettano la legge e che non offrono la pillola anticoncezionale, che non fanno IVG, che non danno la RU486, che trattano malissimo la paziente, che non danno la pillola dei 5 giorni dopo magari con la scusa che l'hanno finita. Ma anche le segnalazioni positive di buona sanità, di competenza e attenzione.
Mappa delle segnalazioni.



Firefox: Riprenditi il web




Statistiche Europee d'uso dei browser 24/07/2017 :
Chrome...54%
Firefox..20%
IE.......9%
Safari...6%

Fonte: StatCounter

Borsa valori della moneta Bitcoin (24/07/2017):

prezzo di 1 bitcoin:
2369.36 €
LTC
DRK


Fonte: Bitcoincharts.com

Sostieni Wikileaks!
Se hai qualche bitcoin fai una donazione a wikileaks all'indirizzo:
1HB5XMLmzFVj8ALj6 mfBsbifRoD4miY36v

Queste sono le donazioni fatte fin'ora: 4024 bitcoin.




L'intero sito kensan.it ha avuto questi Share:

facebook: 6587
twitter: -
google+: 61
linkedIn: 0




IL TUO 5 PER MILLE PER GLI OSPEDALI DI EMERGENCY codice fiscale:
971 471 101 55







Ciao Anonimo, commenta questo articolo!

NON ci sono ancora COMMENTI per questo articolo :

commenti abilitati per gli anonimi
Commenti sperimentali
by kensan & Mp
Pubblicità
kensan logo Licenza Creative Commons 3.0
I miei testi sono sotto la Licenza "Creative Commons 3.0 Italia": se sei interessato a pubblicare i miei articoli leggi le note aggiuntive dove troverai anche le attribuzioni dei diritti per tutte le immagini pubblicate.
Questo sito memorizza sul tuo pc uno o più cookie di tipo tecnico, leggi l'informativa estesa.
Kensan geek site

e-mail
e-mail cifrata