Trasparenza, Glasnost, Transparency

Mp3 di Bella ciao

La Resistenza

Data: 2 mag 2006
ultima modifica: 24 gen 2015

Sito on line dal 2003
Home page
email
Chi sono
Translation
Cappello alpinoDownload Mp3 di bella ciao. Tornata in auge, Bella Ciao è una delle canzoni più conosciute della Resistenza italiana. Propongo l'mp3 e l'ogg di 3 minuti e 34 secondi arrangiata dal Maestro Mario Zuccante. Si tratta di una versione live in stile cori alpini come da migliore tradizione. Questo il testo:  

Bella Ciao
 
Questa mattina mi sono alzato
O bella ciao, o bella ciao, o bella ciao ciao ciao
Questa mattina mi sono alzato
E ho trovato l’invasor
 
O partigiano portami via
O bella ciao, o bella ciao, o bella ciao ciao ciao
O partigiano portami via
Che mi sento di morir
 
E se io muoio da partigiano
O bella ciao, o bella ciao, o bella ciao ciao ciao
E se io muoio da partigiano
Tu mi devi seppellir
 
Mi seppellisci lassù in montagna
O bella ciao, o bella ciao, o bella ciao ciao ciao
Mi seppellisci lassù in montagna
Sotto l’ombra di un bel fior
 
E la genti che passeranno
O bella ciao, o bella ciao, o bella ciao ciao ciao
E la genti che passeranno
E diranno oh che bel fior
 
E questo è il fiore del partigiano
O bella ciao, o bella ciao, o bella ciao ciao ciao
E questo è il fiore del partigiano
Morto per la libertà.

Bella Ciao - Seconda guerra mondiale - La Resistenza contro il nazifascismo

Bella Ciao in versione MP3 da scaricare (sono 6.5 MB, 3 minuti e 34 secondi).
licenza Creative Commons: Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 Italia (CC BY-NC-SA 2.5)

Bella Ciao in versione OGG Vorbis da scaricare (sono 4.5 MB, 3 minuti e 34 secondi).
licenza Creative Commons: Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 Italia (CC BY-NC-SA 2.5)


La versione che proponiamo si deve a:

"Bella ciao",
arrangiamento per coro e quartetto d'archi di Mauro Zuccante,
Coro e strumenti dell’Accademia Musicale S. Giorgio di Verona,
Direttore: Sandro Filippi
Live, Teatro Da Ponte, Vittorio Veneto, 2008

Altre versioni:

Bella Ciao suonata molto bene dai Chumbawamba con le parole in inglese. Questa versione è in memoria di Carlo Giuliani morto a Genova durante le manifestazioni contro il G8 per mano delle forze dell'ordine.

Bella Ciao (video Youtube) interpretata dai Modena City Ramblers durante il concerto del primo maggio. Canzone in stile moderno.
Bella Ciao (non più scaricabile) interpretata dai Modena City Ramblers (mp3 da 3.4 MB)

Bella Ciao (non più scaricabile) CGIL Toscana (sono 1.2 MB)

Partigiani:

Sandro PertiniSandro Pertini è stato un amato Presidente della Repubblica italiana e un partigiano.
È stato un valido combattente nella prima guerra mondiale tanto da ottenere nel 1917 la medaglia d'argento per il suo valore militare. Successivamente si oppose alla dittatura di Mussolini, fu condannato e per evitare la seconda condanna si rifugiò in Francia. In seguito, durante un rientro in Italia, fu condannato per la sua continua attività antifascista. Con la caduta del regime fascista fu liberato.

Poi durante l'occupazione nazista dell'Italia combatté in una battaglia per difendere Roma dalle truppe tedesche. Qualche tempo dopo fu anche condannato a morte dalle SS ma si salvò per l'intervento dei partigiani.

Divenne in seguito una delle personalità di primo piano della Resistenza italiana. Combatté in numerose battaglie, distinguendosi in diverse azioni che gli valsero una medaglia d'oro al valor militare.

Nel 1945, durante la Liberazione, ha votato il decreto che mise a morte Mussolini e altri gerarchi fascisti.

Attribuzione per l'immagine di Sandro Pertini: "Presidenza della Repubblica italiana".


Tina Anselmi racconta la sua Resistenza

La Democrazia

In Italia bisogna riorganizzare la partecipazione attraverso gli strumenti della democrazia: la democrazia per essere vissuta appieno necessita di essere partecipata. Esiste il problema reale come organizzare le istituzioni, lo stato, la vita sociale, la libertà. Perché la democrazia sia vissuta c’è bisogno di avere fiducia negli uomini. Tutte le dittature si caratterizzano per il disprezzo nei confronti dell’uomo, la democrazia deve essere costruita, al contrario, sulla fiducia degli uomini. La democrazia non può che appellarsi a tutti i cittadini perché veramente tutti possano partecipare e in ciò si cela forse il passaggio più impegnativo: se tu vuoi partecipare devi anche garantire la partecipazione degli altri.

La scelta

Nella nostra incoscienza io e miei compagni abbiamo accettato una sfida, abbiamo vissuto un’esperienza drammatica, in un momento in cui era necessario schierarti e decidere da che parte stare. Siamo stati per certi aspetti fortunati, perché la realtà ci aveva costretti a decidere guardando la verità in faccia, ed io capisco che oggi per i giovani sia assai più difficile prendere una strada che non sia superficiale e di comodo.

La Resistenza

A spingermi ad una decisione così fondamentale per la mia vita fu un episodio che determinò non soltanto me, che avevo appena 16 anni e mezzo, ma anche altre ragazze. Era il 26 settembre 1944, ed ero a scuola, frequentavo l’Istituto Magistrale a Bassano, quando i fascisti costrinsero tutti gli studenti a recarsi in Viale Venezia, ora Viale dei Martiri; i fascisti e i tedeschi avevano compiuto un grande rastrellamento sul Grappa, avevano catturato 43 giovani e li impiccavano agli alberi di Viale Venezia; tra quei giovani c’era il fratello della mia compagna di banco.

La studentessa davanti l'impiccato

Costrinsero la popolazione e noi studenti ad assistere all’impiccagione. Fu uno spettacolo orrendo: un impiccato fa paura, è una visione tragica. Alcuni bambini svennero, altri piangevano, tutti erano sconvolti. Quei poveracci impiccati erano innocenti, ostaggi uccisi per rappresaglia, perchè i partigiani avevano fatto saltare un ponte. ... Quell’episodio aveva drammaticamente accelerato la maturazione di certi processi culturali e di certe scelte di vita. Si trattava non solo di rifiutare la dottrina fascista, ma l’intera impostazione sociale che il fascismo faceva pesare sulla nostra vita.

La Democrazia

Quando ci siamo trovati di fronte gli alberi dove erano impiccati giovani innocenti, ci fu una reazione umana, maturò la convinzione, la consapevolezza da parte della gente, dei contadini, di operai e giovani studenti che bisognava operare per far finire la guerra ma che bisognava innanzitutto creare le condizioni migliori perchè - una volta finita la guerra, nella pace - l’Italia potesse riprendere il proprio cammino sulla strada della democrazia, della partecipazione.

Tina Anselmi

"Bella Ciao" - La Resistenza raccontata ai Ragazzi - Edizioni Bibilioteca Dell’Immagine, 2004


Se siete persone comunicative non dimenticatevi di mettere la vostra opinione: scrivete il commento, premete "Inserisci" e il commento è immediatamente pubblicato: grazie!




lepre veloce



Altri testi sullo stesso argomento li trovate elencati di seguito sotto l'argomento Musica

Diaspora* button
-
Facebook button
10
Twitter button
-
Google+ button
0
LinkedIn button
0
TzeTze button
voti: 0
Data: 2 mag 2006
modifica: 24 gen 2015
Letture di questo articolo: 19403
argomento: Musica, articoli: MP3 dalla Russia, Internet Radio, Mosquito, Lettori MP3/Ogg per Linux, Eurovision Song Contest (Classifica Youtube)


80 euro banconota
I soldi servono per vivere ma il sistema italiano è basato sulle mance e non sulla meritocrazia con l'aggiunta di una giusta dose di solidarietà sociale.


Firefox: Riprenditi il web




Statistiche Europee d'uso dei browser 23/05/2017 :
Chrome...55%
Firefox..19%
IE.......9%
Safari...7%

Fonte: StatCounter

Borsa valori della moneta Bitcoin (24/05/2017):

prezzo di 1 bitcoin:
1918.74 €
LTC
DRK


Fonte: Bitcoincharts.com

Sostieni Wikileaks!
Se hai qualche bitcoin fai una donazione a wikileaks all'indirizzo:
1HB5XMLmzFVj8ALj6 mfBsbifRoD4miY36v

Queste sono le donazioni fatte fin'ora: 4024 bitcoin.




L'intero sito kensan.it ha avuto questi Share:

facebook: 6137
twitter: -
google+: 57
linkedIn: 0




IL TUO 5 PER MILLE PER GLI OSPEDALI DI EMERGENCY codice fiscale:
971 471 101 55







Ciao Anonimo, commenta questo articolo!

Questo articolo è stato commentato 5 volte.

Ultimo commento inserito da Anonimo venerdì 30 giugno con il titolo: A proposito di Bella Ciao.

commenti abilitati per gli anonimi
Pubblicità
kensan logo Licenza Creative Commons 3.0
I miei testi sono sotto la Licenza "Creative Commons 3.0 Italia": se sei interessato a pubblicare i miei articoli leggi le note aggiuntive dove troverai anche le attribuzioni dei diritti per tutte le immagini pubblicate.
Questo sito memorizza sul tuo pc uno o più cookie di tipo tecnico, leggi l'informativa estesa.
Kensan geek site

e-mail
e-mail cifrata